NEWS

Home / News stories

Interview to Professor Alberto Robol, Chairperson of the Peace Bell Foundation - Rovereto, Italy



The Peace Bell Foundation (Fondazione Opera Campana dei Caduti) is a long-date, fundamental member of ALDA, and with its “Osservatorio Balcani e Caucaso” project, it became a key partner of our association for information and research.

***

Professor Alberto Robol, Chairperson of the Peace Bell Foundation, has been interviewed by the Communication Officer of ALDA, Irene Zanetti, discussing on specific issues about the crucial activity of the Foundation, the importance of the “Osservatorio Balcani e Caucaso”, the values of citizens’ participation, democracy and peace, as well as actuality issues, such as the imminent elections of the European Parliament and the critical situation in Ukraine.

At last, Professor Robol remarked the importance of the relationship between the Peace Bell Foundation and ALDA, a crucial and precious collaboration to expand the international features of the Foundation.

 

***

Read the interview: 

 

Interview to Professor Alberto Robol, Chairperson of the Peace Bell Foundation – Fondazione Opera Campana dei Caduti, Rovereto (Italy)

19 March 2014

 

1. The work for peace is a strong link between the activities of your foundation, and ALDA’s. Why are your activities still crucial?

It would be easy to answer is still crucial because fear of the war, of violence, of a non-justice are crucial; until when these will be in the conscience of the history of humankind, all the movements for peace will be fundamental. The work of our Foundation is based upon a precise ethical philosophy of peace, on the line of Antonio Papisca’s – the positive peace, which implies reconciliation, coexistence among people and peoples. 

2. The ‘Osservatorio Balcani e Caucaso’ is an important project, and it represents a key partner for ALDA in the field of information, communication, and research. How did this experience start?

The Osservatorio Balcani e Caucaso has been active for 15 years, as it was born in ’99, and has today a precise identity. During its first years, it was basically an observatory over the Balkans: it was the time of the war, then of the transition towards the peace, characterized by a variety of very sensitive situations for the territory. Over the years, the observatory enlarged its horizons and looked at the Caucasus.

There is no doubt the identity of the Osservatorio further strengthened in its 15 years activities: it is a very close-knit working group, both in journalism and historical research, which acquired a really high relevance in the field of peace research all across Europe. The Foundation received indeed several important recognitions – among those, in 2006 the partnership with the Council of Europe in Strasbourg, and in 2009 the status of Special Observer with the United Nations.

3. Active citizenship is a crucial topic for ALDA. In your point of view, what is the relation between citizens’ participation, democracy, and peace? 

On the occasion of the 89th anniversary of the first sound of the bell for the fallen people, Maria Dolens, the Commission “Active Citizenship, Peace Culture, Human rights” is instituted in Rovereto, with the support of the Council of Europe. Establishing in Rovereto the commission on human rights, peace, and coexistence, is an extremely important recognition of Strasburg to the history of the city and its Peace Bell. With its ninety flags from all over the world, Rovereto is also called ‘the little big ONU’.

On the other hand, peace develops in the communities. Peace is a universal principle, but is useless unless it is rooted in the territory and in the local communities. This is the only way for it to become the basis on which today’s community build tomorrow’s. We believe that the “Peace Memorandum” has to be signed by all local communities, and not only by the states.

4. Talking about current news, what do you hope for while looking at the forthcoming elections of the European Parliament?

I hope that Europeism will increase again, as in the last month I have perceived a decrease because the crisis weakened openness towards Europe. I also have the feeling we are starting reasoning about a different Europe. For us, this would be fundamental, by considering we have been among the principal actors since the very beginning of the concept of Europe. The ‘wide’ Europe has been conceived, invented, and funded by illuminated minds of the politics, such as De Gasperi. We need to restore the political spirit of Europe. After the excess of technocracy of the last years, I wish we will get back to the Europe of principles and democracy values.

5. What is your opinion on the situation in Ukraine?

(Note of the editor: interview taken on 19th March)

It is a particularly sensitive situation for Europe, and even more for Ukrainian citizens. I do not completely understand it, and the development of Crimea looks to me like a historical-conceptual stretching. I hope the situation will evolve differently, that it will be possible to stop and reason. Obviously we cannot imagine Europe with Russia as an opponent – we need to get to a debate.

6. The Peace Bell Foundation has been a member of ALDA for many years. Why is our relationship an important collaboration for you?

The relationship with ALDA is a long time one because we desired to expand the international feature of the Foundation, which is a constitutive objective of the Bell. We cannot understand Maria Dolens without taking into account its internationality, which is broader Europe –  it encompasses the entire world.

The Bell unifies all peoples – this was the wish, the theory; to be at the centre of the world for a permanent pacification. But how to realise this into practice? Strasbourg, the Council of Europe, the UN, the involvement of linguistic minorities, and today the Bell is the element unifying the whole while keeping everybody specificities. Therefore the connection with ALDA, Strasbourg, and Europe is key. I think it was a crucial decision from the beginning, and the more we continue our activities, the more it turns out to be decisive.

 

***

 

Intervista al Prof. Alberto Robol, Reggente della Fondazione Opera Campana dei Caduti di Rovereto

19 Marzo 2014

 

1. Lavorare per la pace è un punto di incontro tra l’attività della Fondazione e quella di ALDA. Perché in questo senso la vostra attività è ancora cruciale?

Sarebbe facile dire che è ancora cruciale perché cruciale è la paura della guerra, della violenza, di una non giustizia; fino a quando ci saranno queste coscienze nella storia dell’umanità, tutti i movimenti per la pace rimarranno fondamentali. Il lavoro della nostra Fondazione nasce da una filosofia etica della pace ben precisa che si rifà a quella di Antonio Papisca: una concezione della pace positiva, con una valenza di riconciliazione, di convivenza tra le persone, e quindi tra i popoli. La pace è un diritto fondamentale dell’umanità.

2. L’Osservatorio Balcani e Caucaso è un progetto molto importante, che anche per ALDA rappresenta un partner fondamentale per quanto riguarda la comunicazione, l’informazione, e la ricerca. Com’è nata questa esperienza?

L’Osservatorio Balcani e Caucaso è attivo da 15 anni, perché è nato nel ’99, e ha ormai una sua identità ben precisa. Durante i suoi primi anni, fondamentalmente era un osservatorio sui Balcani: erano i tempi della guerra, poi della transizione verso la pace, caratterizzati da un insieme di situazioni molto delicate per il territorio. Con il tempo l’Osservatorio si è allargato rivolgendosi al Caucaso. 

Non c’è dubbio che in questi 15 anni l’identità dell’Osservatorio si sia ulteriormente perfezionata: si tratta di un gruppo di lavoro molto affiatato, sia a livello giornalistico che di ricerca storica, che ha acquisito una notevole rilevanza nella ricerca per la pace in tutta Europa. Tant’è vero che per la nostra Fondazione Opera Campana dei Caduti i riconoscimenti sono stati notevoli – tra questi, nel 2006 il partenariato con il Consiglio d’Europa di Strasburgo, e nel 2009 lo Status di Osservatore speciale presso le Nazioni Unite.

3. La cittadinanza attiva è un tema fondamentale per ALDA. Dal vostro punto di vista, qual è la relazione che intercorre tra partecipazione dei cittadini, democrazia e pace?

In occasione dell’89° anniversario del primo suono della Campana dei Caduti, Maria Dolens, nasce a Rovereto la Commissione “Cittadinanza attiva, Cultura della Pace, Diritti dell’Uomo” con il patrocinio del Consiglio d’Europa proprio su questi temi. E’ un riconoscimento importantissimo: Strasburgo riconosce la storia di Rovereto, con la Campana della Pace, facendo istituire proprio nella città la commissione sui diritti umani, la pace e la convivenza. Con le sue novanta bandiere da tutto il mondo, Rovereto è chiamata ‘la piccola grande ONU’.

D’altra parte, la pace nasce e si sviluppa nelle comunità e nei territori. La pace è un valore universale, ma guai se non si radica nei territori e nelle comunità locali. Solo in questo modo può diventare il valore fondante delle comunità di oggi per quelle del domani. Noi riteniamo che il “Memorandum di Pace” debba essere rispettato da tutte le comunità locali, e non solo dagli stati. 

4. Parlando di attualità, cosa vi auspicate guardando alle imminenti Elezioni del Parlamento Europeo?

Io spero che quello che sta nascendo in Italia adesso porti a un recupero dell’europeismo, che negli ultimi mesi ho sentito calare perché la crisi ha indebolito la sensibilità nei confronti dell’Europa. Mi sembra però che si inizi a ragionare su un’Europa diversa. Per noi sarebbe fondamentale pensando che noi siamo tra i principali attori fin dall’inizio dell’Europa. La grande Europa è stata intuita, inventata, fondata dai personaggi della grande politica, come De Gasperi. Dobbiamo recuperare lo spirito politico dell’Europa. Dopo la sbornia tecnocratica caratteristica degli ultimi decenni, mi auguro che si ritorni all’Europa dei principi e dei valori di democrazia.

5. Qual è la sua opinione sulla situazione dell’Ucraina?

(Nota di redazione: intervista del 19 marzo 2014)

È una situazione molto delicata per l’Europa, e ancora di più per i cittadini Ucraini. Ho l’impressione che ci sia una situazione che non si sposa molto con i valori europei, e non riesco nemmeno a capire in fondo la situazione. Anche lo sviluppo della Crimea mi pare una forzatura storico-concettuale. Spero che la situazione evolva diversamente, che si riesca a fermarsi un attimo e a ragionare. Naturalmente non si può pensare a un’Europa con la Russia contro. Occorre arrivare a un confronto, magari articolato o mediato.

6. La Fondazione Opera Campana dei Caduti fa parte della rete di ALDA da tanti anni. Per quali motivi per voi rimane una collaborazione importante?

Il rapporto con ALDA è ormai di lunga data proprio perché abbiamo voluto sviluppare l’internazionalità della Fondazione, che è un obiettivo costitutivo, originario, nativo della Campana. Non si potrebbe capire Maria Dolens se non alla luce di questa internazionalità, che è più che europea, è mondiale.

La Campana mette insieme tutti i popoli –  questo era il desiderio, la teoria; essere al centro del mondo ai fini di una riappacificazione permanente. Ma come realizzare questo principio? Strasburgo, Consiglio d’Europa, ONU, coinvolgimento delle minoranze linguistiche, e ad oggi la Campana è l’elemento che unifica il tutto nella distinzione di ciascuno. Per cui il collegamento con  ALDA, con Strasburgo e con l’Europa è importantissimo. Credo sia stata una scelta estremamente importante fin dall’inizio. E più si va avanti, più per noi si rivela determinante.



Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ mail

Subscribe Newsletter:

Subscribe to ALDA monthly newsletter, available in five languages - English, French, Italian, Serbian, and Russian

Office in Strasbourg

Council of Europe
1, avenue de l'Europe 
F-67075 Strasbourg - France

Phone: +33 3 90 21 45 93
Fax: +33 3 90 21 55 17
Email: aldastrasbourg@aldaintranet.org
General contact: alda@aldaintranet.org

Office in Brussels

Rue Belliard 20
Bruxelles 1040
Belgium
Public transportation: Metro, stop "Arts-Loi", lines 1, 2, 5, 6

Phone: +32 (0)2 430 24 08
Email: aldabrussels@aldaintranet.org

Office in Vicenza

Viale Milano 66
36100 Vicenza - Italy

Phone: +39 04 44 54 01 46
Fax: +39 04 44 23 10 43
Mail : aldavicenza@aldaintranet.org

 

 

Office in Skopje

Bld. Partizanski odredi 43B/1-5
1000 Skopje, Macedonia

Phone: +389 (0) 2 6091 060
Mail: aldaskopje@aldaintranet.org

Office in Subotica

Trg Cara Jovana Nenada 15
SRB-24000 Subotica - Serbia 

Phone: +381 24 554 587
Fax: +381 24 554 587