Our concern about the blockage of the EU accession process of North Macedonia

In December 2020, North Macedonia didn’t get the long expected date for the start of the negotiation process for EU accession due to blockage from its neighbour country, Bulgaria. This is due to the fact that “Bulgaria is offended by the interpretation of certain historical moments and personalities in North Macedonia and considers as an issue the historical heritage and the nature of the Macedonian identity and Macedonian language.”

“We will not stop encouraging cooperation, democracy and dialogue to foster EU integration”

ALDA Governing Board expresses concern about the “decision of the EU not to start yet the negotiation talks with North Macedonia and not adopting the proposed negotiating framework” and all its “openness and willingness to contribute at the establishment of decentralized dialogue between communities and people to people actions that will increase tolerance and intercultural dialogue in the region. "

That’s why ALDA continues working with our members and partners both in North Macedonia and in Bulgaria to foster cooperation between people and enhancing European values.

 

Read the full Governing Board statement qui.

In December 2020, North Macedonia didn’t get the long expected date for the start of the negotiation process for EU accession due to blockage from its neighbour country, Bulgaria. This is due to the fact that “Bulgaria is offended by the interpretation of certain historical moments and personalities in North Macedonia and considers as an issue the historical heritage and the nature of the Macedonian identity and Macedonian language.”

“We will not stop encouraging cooperation, democracy and dialogue to foster EU integration”

ALDA Governing Board expresses concern about the “decision of the EU not to start yet the negotiation talks with North Macedonia and not adopting the proposed negotiating framework” and all its “openness and willingness to contribute at the establishment of decentralized dialogue between communities and people to people actions that will increase tolerance and intercultural dialogue in the region. "

That’s why ALDA continues working with our members and partners both in North Macedonia and in Bulgaria to foster cooperation between people and enhancing European values.

 

Read the full Governing Board statement qui.


Giornata internazionale dell'educazione: imparare giocando ai videogiochi o come i videogiochi possono essere al servizio dell'educazione?

Dall'inizio della crisi del COVID19 sono stati fatti molti sacrifici per assicurare e garantire la salute della popolazione. Sfortunatamente, l'istruzione era uno dei campi in cui fare sacrifici. La chiusura di scuole, università e altri istituti di apprendimento, nonché l'interruzione di molti programmi di alfabetizzazione e apprendimento permanente, ha influito sulla vita di 1,6 miliardi di studenti in oltre 190 paesi, come evidenziato dal rapporto delle Nazioni Unite "Recuperare e rivitalizzare l'istruzione per la generazione COVID-19 " . Tuttavia, c'è speranza, come sottolineato da Sun Tzu in L'arte della guerra, attivo del VI secolo a.C.. "In mezzo al caos, ci sono anche opportunità." L'arte della guerra di Sun Tzu è ancora rilevante nel nostro tempo attuale. Vedendo le opportunità, l'innovazione può emergere ed essere sviluppata. Questa crisi è anche l'occasione per ricostruire un mondo migliore in cui un'istruzione di qualità inclusiva ed equa sia accessibile a tutti.

Se il futuro dell'istruzione è digitale e soprattutto se i videogiochi possono essere utilizzati per essere al servizio dell'istruzione. Invece di imparare facendo, andiamo a imparare giocando ai videogiochi. È la scommessa di 2 progetti europei, Il rude risveglio e P-CUBE, iniziato durante la crisi sanitaria. Mettono gli strumenti digitali al centro della loro strategia per evidenziare e avvicinare gli argomenti alle nuove generazioni. In che modo i videogiochi possono supportare l'istruzione delle giovani generazioni?

 

Insegnare una storia comune giocando o come parlare della prima guerra mondiale

La guerra non è un argomento facile di cui parlare e le conseguenze non sono facili da spiegare. Tuttavia, c'è bisogno di parlarne, insegnarlo e sensibilizzarlo. Il progetto europeo "Il rude risveglio" ha scelto di utilizzare strumenti digitali per insegnare alle giovani generazioni la guerra e la pace. Un videogioco permette di ricreare l'atmosfera della prima guerra mondiale, di insegnare la storia culturale ed europea comune che i paesi condividono e, soprattutto, permette di giocare e di mettersi nei panni di un soldato della prima guerra mondiale. L'apprendimento attraverso il gioco deve assicurarsi che le informazioni e il contenuto siano accurati. Il progetto rende un punto d'onore assicurarsi che i giocatori apprendano informazioni vere e accurate. Ecco perché la narrazione si basa su una documentazione accurata, testimonianze reali, ricordi, lettere, immagini, ... Ma l'identificazione con i personaggi di fantasia è la cornice innovativa attraverso la quale il giocatore scopre la vita quotidiana di un soldato in guerra, le lotte quotidiane per il cibo, l'acqua, combatte il freddo, il caldo, la stanchezza, la morte. Sviluppando questo videogioco, il progetto vuole rendere i giocatori, in particolare le giovani generazioni, più legati al patrimonio storico e culturale europeo.

Imparare giocando. Imparare sentendo e sperimentando. Imparare la solidarietà e la cittadinanza!

Insegnare il processo decisionale pubblico o come promuovere l'impegno civico

La cittadinanza è al centro della nostra società e i giovani hanno bisogno di capire come funziona. Saranno loro a guidare e prendere la decisione chiave nel prossimo futuro e devono avere la conoscenza per capire come dovrebbero essere prese tali decisioni: che cos'è una politica pubblica? Come vengono prese le decisioni? In che modo queste decisioni possono avere un impatto sulla nostra società e sulla nostra vita? Il progetto europeo P-CUBE vuole sviluppare un gioco educativo per insegnare la teoria delle politiche pubbliche. Il progetto mira a passare da un tabellone di gioco a un videogioco, da offline a online. Lo scopo è quello di contribuire a dissipare idee sbagliate sul modo in cui vengono prese le innovazioni nelle politiche pubbliche presentando il processo attraverso un modello interessante e realistico, attraverso un videogioco. Il gioco aiuterà i giocatori a familiarizzare con le complessità del processo decisionale pubblico e mostrerà che esistono diversi modi per superare gli ostacoli che impediscono ai sistemi di governance attuali di affrontare i problemi collettivi.

 

Imparare facendo. Imparare giocando all'ordine pubblico. Imparare a crescere come cittadino. Impara e assicurati che la prossima generazione sia pronta a guidare!

 

Istruzione e digitale

Il digitale può essere un vero pilastro per aiutare nella lotta alle disuguaglianze e aumentare l'inclusione. Gli strumenti digitali possono fornire un accesso più ampio all'istruzione per tutti. Ma il sistema educativo deve essere pronto per questo cambiamento e implicare che Internet, telefono, computer e altri strumenti digitali devono essere accessibili a tutti i cittadini. Essere uguali di fronte all'accesso digitale. La pandemia ci sta fornendo un'opportunità unica per avere una nuova visione sul sistema educativo, sull'uso degli strumenti digitali per apprendere e insegnare e per trovare nuovi modi innovativi per avere un'istruzione inclusiva e accessibile.

Questa crisi sta spingendo ogni cittadino, governo e istituzioni internazionali a fare sacrifici e sta cambiando il nostro modo di vivere. Tuttavia e in occasione del Giornata internazionale dell'educazione, dovremmo ricordare come l'istruzione è la chiave per lo sviluppo di un paese e per costruire e ricostruire le nostre società. Come i videogiochi, qualsiasi forma di metodologia educativa dovrebbe essere considerata per ricostruire e ridefinire il nostro mondo e soprattutto assicurarsi di non dimenticare questa affermazione: L'istruzione è un diritto umano.

Dall'inizio della crisi del COVID19 sono stati fatti molti sacrifici per assicurare e garantire la salute della popolazione. Sfortunatamente, l'istruzione era uno dei campi in cui fare sacrifici. La chiusura di scuole, università e altri istituti di apprendimento, nonché l'interruzione di molti programmi di alfabetizzazione e apprendimento permanente, ha influito sulla vita di 1,6 miliardi di studenti in oltre 190 paesi. Tuttavia, c'è speranza. "In mezzo al caos, ci sono anche opportunità." L'arte della guerra di Sun Tzu è ancora rilevante nel nostro tempo attuale. Vedendo le opportunità, l'innovazione può emergere ed essere sviluppata. Questa crisi è anche l'occasione per ricostruire un mondo migliore in cui un'istruzione di qualità inclusiva ed equa sia accessibile a tutti.

Se il futuro dell'istruzione è digitale e soprattutto se i videogiochi possono essere utilizzati per essere al servizio dell'istruzione. Invece di imparare facendo, andiamo a imparare giocando ai videogiochi. È la scommessa di 2 progetti europei, Il rude risveglio e P-CUBE, iniziato durante la crisi sanitaria. Mettono gli strumenti digitali al centro della loro strategia per evidenziare e avvicinare gli argomenti alle nuove generazioni. In che modo i videogiochi possono supportare l'istruzione delle giovani generazioni?

 

Insegnare una storia comune giocando o come parlare della prima guerra mondiale

La guerra non è un argomento facile di cui parlare e le conseguenze non sono facili da spiegare. Tuttavia, c'è bisogno di parlarne, insegnarlo e sensibilizzarlo. Il progetto europeo "The Rude Awakening" ha scelto di utilizzare strumenti digitali per insegnare alle giovani generazioni la guerra e la pace. Un videogioco permette di ricreare l'atmosfera della prima guerra mondiale, di insegnare la storia culturale ed europea comune che i paesi condividono e, soprattutto, permette di giocare e di mettersi nei panni di un soldato della prima guerra mondiale. L'apprendimento attraverso il gioco deve assicurarsi che le informazioni e il contenuto siano accurati. Il progetto rende un punto d'onore assicurarsi che i giocatori apprendano informazioni vere e accurate. Ecco perché la narrazione si basa su una documentazione accurata, testimonianze reali, ricordi, lettere, immagini, ... Ma l'identificazione con i personaggi di fantasia è la cornice innovativa attraverso la quale il giocatore scopre la vita quotidiana di un soldato in guerra, le lotte quotidiane per il cibo, l'acqua, combatte il freddo, il caldo, la stanchezza, la morte. Sviluppando questo videogioco, il progetto vuole rendere i giocatori, in particolare le giovani generazioni, più legati al patrimonio storico e culturale europeo.

Imparare giocando. Imparare sentendo e sperimentando. Imparare la solidarietà e la cittadinanza!

Insegnare il processo decisionale pubblico o come promuovere l'impegno civico

La cittadinanza è al centro della nostra società e i giovani hanno bisogno di capire come funziona. Saranno loro a guidare e prendere la decisione chiave nel prossimo futuro e devono avere la conoscenza per capire come dovrebbero essere prese tali decisioni: che cos'è una politica pubblica? Come vengono prese le decisioni? In che modo queste decisioni possono avere un impatto sulla nostra società e sulla nostra vita? Il progetto europeo P-CUBE vuole sviluppare un gioco educativo per insegnare la teoria delle politiche pubbliche. Il progetto mira a passare da un tabellone di gioco a un videogioco, da offline a online. Lo scopo è quello di contribuire a dissipare idee sbagliate sul modo in cui vengono prese le innovazioni nelle politiche pubbliche presentando il processo attraverso un modello interessante e realistico, attraverso un videogioco. Il gioco aiuterà i giocatori a familiarizzare con le complessità del processo decisionale pubblico e mostrerà che esistono diversi modi per superare gli ostacoli che impediscono ai sistemi di governance attuali di affrontare i problemi collettivi.

Imparare facendo. Imparare giocando all'ordine pubblico. Imparare a crescere come cittadino. Impara e assicurati che la prossima generazione sia pronta a guidare!

 

Istruzione e digitale

Il digitale può essere un vero pilastro per aiutare nella lotta alle disuguaglianze e aumentare l'inclusione. Gli strumenti digitali possono fornire un accesso più ampio all'istruzione per tutti. Ma il sistema educativo deve essere pronto per questo cambiamento e implicare che Internet, telefono, computer e altri strumenti digitali devono essere accessibili a tutti i cittadini. Essere uguali di fronte all'accesso digitale. La pandemia ci sta fornendo un'opportunità unica per avere una nuova visione sul sistema educativo, sull'uso degli strumenti digitali per apprendere e insegnare e per trovare nuovi modi innovativi per avere un'istruzione inclusiva e accessibile.

Questa crisi sta spingendo ogni cittadino, governo e istituzioni internazionali a fare sacrifici e sta cambiando il nostro modo di vivere. Tuttavia e in occasione del Giornata internazionale dell'educazione, dovremmo ricordare come l'istruzione è la chiave per lo sviluppo di un paese e per costruire e ricostruire le nostre società. Come i videogiochi, qualsiasi forma di metodologia educativa dovrebbe essere considerata per ricostruire e ridefinire il nostro mondo e soprattutto assicurarsi di non dimenticare questa affermazione: L'istruzione è un diritto umano.


Si è spento oggi Sasa Marinkov, Delegato dell'ADL Serbia centrale e meridionale

È con profondo rammarico e profonda tristezza che vi informiamo che il nostro Sasa Marinkov è venuto a mancare oggi, sabato 23 gennaio 2021.
In qualità di delegato dell'Agenzia per la democrazia locale, Serbia centrale e meridionale, Sasa fa parte di ALDA e della rete balcanica per la democrazia locale - BNLD da oltre un decennio.
TOggi abbiamo perso un prezioso membro della nostra famiglia. Era un lavoratore modesto e visionario, impegnato, un combattente per i cambiamenti positivi nella comunità.
Ancora più importante, oggi abbiamo perso un vero amico che era al nostro fianco in tutti i nostri alti e bassi. Amico che avremmo veramente ricordato e adorato fino alla fine dei giorni.
Sasa, ti ringraziamo per tutto quello che hai fatto per noi e per la tua comunità. Continueremo a lottare per la tua causa: è l'unica cosa che possiamo fare per raggiungere la tua visione.
Ci mancherà immensamente ora e così sarà in futuro.
 
Farwell, Sasa
Da Oriano Otocan, Presidente di ALDA; Antonella Valmorbida, Segretario Generale di ALDA; lo Staff di ALDA; il Consiglio Direttivo di ALDA e i colleghi Delegati

È con profondo rammarico e profonda tristezza che vi informiamo che il nostro Sasa Marinkov è venuto a mancare oggi, sabato 23 gennaio 2021.
In qualità di delegato dell'Agenzia per la democrazia locale, Serbia centrale e meridionale, Sasa fa parte di ALDA e della rete balcanica per la democrazia locale - BNLD da oltre un decennio.
TOggi abbiamo perso un prezioso membro della nostra famiglia. Era un lavoratore modesto e visionario, impegnato, un combattente per i cambiamenti positivi nella comunità.
Ancora più importante, oggi abbiamo perso un vero amico che era al nostro fianco in tutti i nostri alti e bassi. Amico che avremmo veramente ricordato e adorato fino alla fine dei giorni.
Sasa, ti ringraziamo per tutto quello che hai fatto per noi e per la tua comunità. Continueremo a lottare per la tua causa: è l'unica cosa che possiamo fare per raggiungere la tua visione.
Ci mancherà immensamente ora e così sarà in futuro.
 
Farwell, Sasa
Da Oriano Otocan, Presidente di ALDA; Antonella Valmorbida, Segretario Generale di ALDA; lo Staff di ALDA; il Consiglio Direttivo di ALDA e i colleghi Delegati


L'UE diventa locale nei Balcani occidentali: incontro con la DG NEAR

Il 21 gennaio ALDA e il Rete balcanica per la democrazia locale (BNLD) ha tenuto un incontro con i rappresentanti della Commissione Europea. Lo staff del Direzione generale della Commissione per i negoziati di vicinato e allargamento (DG NEAR) lavorandoci Balcani occidentali ho avuto la possibilità di conoscere meglio i Progetti che ALDA e le Agenzie della Democrazia Locale (ADL) stanno implementando nella Regione così come i feedback delle attività che abbiamo portato avanti a livello locale.

Sig.ra Stanka Parac, Presidente della Rete balcanica per la democrazia locale, ha introdotto il BNLD e il nostro approccio per sostenere la cooperazione regionale, sottolineando gli sforzi che BNLD e le ADL stanno compiendo per promuovere i processi di integrazione nell'UE. La creazione della stessa BNLD è stata il risultato del sostegno della CE alla creazione di reti e partenariati. Quando si tratta di adesione all'UE, il nostro obiettivo principale è la riforma della pubblica amministrazione, la governance economica e democratica, le questioni sociali e lo Stato di diritto. Siamo conosciuti nella Regione per il nostro lavoro sulla pace e la riconciliazione negli ultimi 20 anni, soprattutto con i giovani. 

Signor Colin Wolfe, Capo unità per la cooperazione e i programmi regionali ha confermato l'importanza che il livello locale faccia parte del processo di integrazione nell'UE. Le autorità locali sono parti interessate significative responsabili dell'attuazione di molte politiche dell'UE nei rispettivi paesi. I processi democratici partono dal livello locale e dovrebbero essere alimentati lì. La Commissione Europea sostiene la cooperazione della società civile e delle autorità locali con il programma regionale RELOAD, la cui seconda fase è appena iniziata.

Inoltre, durante l'incontro, i delegati delle ADL hanno avuto la possibilità di prendere la parola e condividere le loro opinioni sulla questione principale di ogni Paese, dalla situazione dei processi democratici, allo stato della democrazia nel periodo post-elettorale in Montenegro, il risultati dalle tanto attese elezioni locali a Mostar, a questioni bilaterali e riforme chiave nella Macedonia del Nord ...

I processi democratici partono dal livello locale e dovrebbero essere alimentati lì

L' Personale della DG NEAR che lavora nei diversi paesi dei Balcani occidentali ha confermato che l'Unione europea sta compiendo sforzi significativi per rendere i processi di adesione all'UE più visibili a livello locale, in ogni comunità. In effetti, nel prossimo periodo di programmazione l'UE metterà maggiormente l'accento sui progetti con le autorità locali.

Le Commissioni europee, la DG NEAR e le delegazioni in tutti i paesi stanno compiendo sforzi significativi per includere la società civile nella definizione delle politiche e nella programmazione. A tale riguardo, ALDA e BNLD hanno preso parte attiva alle consultazioni per la pianificazione degli Strumenti di assistenza preadesione (IPA III) e la stesura delle Linee guida per la società civile nella regione dell'allargamento 2021-2027.

Questo incontro, a cui hanno partecipato più di 30 rappresentanti della Commissione Europea e di ALDA, del BNLD e dei delegati degli ADL, ha dimostrato quanto dovrebbe essere inclusivo il processo decisionale e quanto sia importante il dialogo. ALDA e BNLD continuano a seguire con attenzione le politiche della Commissione Europea nei Balcani occidentali e sostengono i processi di adesione all'UE nella Regione.

Il 21 gennaio ALDA e il Rete balcanica per la democrazia locale (BNLD) ha tenuto un incontro con i rappresentanti della Commissione Europea. Lo staff del Direzione generale della Commissione per i negoziati di vicinato e allargamento (DG NEAR) lavorandoci Balcani occidentali ho avuto la possibilità di conoscere meglio i Progetti che ALDA e le Agenzie della Democrazia Locale (ADL) stanno implementando nella Regione così come i feedback delle attività che abbiamo portato avanti a livello locale.

Sig.ra Stanka Parac, Presidente della Rete balcanica per la democrazia locale, ha introdotto il BNLD e il nostro approccio per sostenere la cooperazione regionale, sottolineando gli sforzi che BNLD e le ADL stanno compiendo per promuovere i processi di integrazione nell'UE. La creazione della stessa BNLD è stata il risultato del sostegno della CE alla creazione di reti e partenariati. Quando si tratta di adesione all'UE, il nostro obiettivo principale è la riforma della pubblica amministrazione, la governance economica e democratica, le questioni sociali e lo Stato di diritto. Siamo conosciuti nella Regione per il nostro lavoro sulla pace e la riconciliazione negli ultimi 20 anni, soprattutto con i giovani. 

Signor Colin Wolfe, Capo unità per la cooperazione e i programmi regionali ha confermato l'importanza che il livello locale faccia parte del processo di integrazione nell'UE. Le autorità locali sono parti interessate significative responsabili dell'attuazione di molte politiche dell'UE nei rispettivi paesi. I processi democratici partono dal livello locale e dovrebbero essere alimentati lì. La Commissione Europea sostiene la cooperazione della società civile e delle autorità locali con il programma regionale RELOAD, la cui seconda fase è appena iniziata.

Inoltre, durante l'incontro, i delegati delle ADL hanno avuto la possibilità di prendere la parola e condividere le loro opinioni sulla questione principale di ogni Paese, dalla situazione dei processi democratici, allo stato della democrazia nel periodo post-elettorale in Montenegro, il risultati dalle tanto attese elezioni locali a Mostar, a questioni bilaterali e riforme chiave nella Macedonia del Nord ...

I processi democratici partono dal livello locale e dovrebbero essere alimentati lì

L' Personale della DG NEAR che lavora nei diversi paesi dei Balcani occidentali ha confermato che l'Unione europea sta compiendo sforzi significativi per rendere i processi di adesione all'UE più visibili a livello locale, in ogni comunità. In effetti, nel prossimo periodo di programmazione l'UE metterà maggiormente l'accento sui progetti con le autorità locali.

Le Commissioni europee, la DG NEAR e le delegazioni in tutti i paesi stanno compiendo sforzi significativi per includere la società civile nella definizione delle politiche e nella programmazione. A tale riguardo, ALDA e BNLD hanno preso parte attiva alle consultazioni per la pianificazione degli Strumenti di assistenza preadesione (IPA III) e la stesura delle Linee guida per la società civile nella regione dell'allargamento 2021-2027.

Questo incontro, a cui hanno partecipato più di 30 rappresentanti della Commissione Europea e di ALDA, del BNLD e dei delegati degli ADL, ha dimostrato quanto dovrebbe essere inclusivo il processo decisionale e quanto sia importante il dialogo. ALDA e BNLD continuano a seguire con attenzione le politiche della Commissione Europea nei Balcani occidentali e sostengono i processi di adesione all'UE nella Regione.


Formazione PCPA ad Hammamet: tre giorni di duro lavoro

Nell'ambito del coordinamento del Polo Democrazia Locale e Partecipativa del progetto PCPA, istituito con gli scout tunisini, ALDA ha organizzato un corso di formazione che si è svolto dall'11 al 13 dicembre 2020 ad Hammamet, in Tunisia.

Il progetto PCPA - Programme concerté pluri-actifs / active multi-acteurs è la più grande rete di associazioni franco-tunisine. Il cluster Democrazia locale e partecipativa include 15 Governatorati e mobilita 30 associazioni tunisine e 7 tra associazioni e dipartimenti francesi.

Una formazione unica di empowerment sulle tecniche di comunicazione e sui principi dell'andragogia

La formazione in questione faceva parte di un ciclo di tre sessioni di formazione per i candidati delle associazioni membri del cluster. Questa prima sessione è stata dedicata ad un'"Introduzione all'ingegneria della formazione".

La nostra formatrice Sihem Sehli ha gestito magistralmente il corso, che si è svolto in una piacevole atmosfera di relazioni amichevoli tra i vari partecipanti, la maggior parte dei quali già si conoscevano. I contributi dei partecipanti hanno mostrato un reale interesse nei confronti dei contenuti esposti dalla formatrice, articolati intorno ai seguenti temi: introduzione alla sessione di formazione, tecniche di comunicazione e concetto di andragogia .

Nel corso dei tre giorni di lavoro, i venti partecipanti hanno potuto padroneggiare gli strumenti teorici del percorso formativo oltre a svolgere esercizi di public speaking i quali hanno fatto oggetto di monitoraggio e valutazione continui da parte della formatrice.

Tenete presente che questo ciclo di formazione è appena iniziato, dato che le due sessioni rimanenti verranno organizzate nei prossimi mesi!

A seguito di queste sessioni di capacity building, ALDA ha in programma di organizzare sessioni di formazione in loco per il personale amministrativo, nonché per i funzionari eletti e gli attori della società civile di una serie di comuni selezionati.

Nell'ambito del coordinamento del Polo Democrazia Locale e Partecipativa del progetto PCPA, istituito con gli scout tunisini, ALDA ha organizzato un corso di formazione che si è svolto dall'11 al 13 dicembre 2020 ad Hammamet, in Tunisia.

Il progetto PCPA - Programme concerté pluri-actifs / active multi-acteurs è la più grande rete di associazioni franco-tunisine. Il cluster Democrazia locale e partecipativa include 15 Governatorati e mobilita 30 associazioni tunisine e 7 tra associazioni e dipartimenti francesi.

Una formazione unica di empowerment sulle tecniche di comunicazione e sui principi dell'andragogia

La formazione in questione faceva parte di un ciclo di tre sessioni di formazione per i candidati delle associazioni membri del cluster. Questa prima sessione è stata dedicata ad un'"Introduzione all'ingegneria della formazione".

La nostra formatrice Sihem Sehli ha gestito magistralmente il corso, che si è svolto in una piacevole atmosfera di relazioni amichevoli tra i vari partecipanti, la maggior parte dei quali già si conoscevano. I contributi dei partecipanti hanno mostrato un reale interesse nei confronti dei contenuti esposti dalla formatrice, articolati intorno ai seguenti temi: introduzione alla sessione di formazione, tecniche di comunicazione e concetto di andragogia .

Nel corso dei tre giorni di lavoro, i venti partecipanti hanno potuto padroneggiare gli strumenti teorici del percorso formativo oltre a svolgere esercizi di public speaking i quali hanno fatto oggetto di monitoraggio e valutazione continui da parte della formatrice.

Tenete presente che questo ciclo di formazione è appena iniziato, dato che le due sessioni rimanenti verranno organizzate nei prossimi mesi!

A seguito di queste sessioni di capacity building, ALDA ha in programma di organizzare sessioni di formazione in loco per il personale amministrativo, nonché per i funzionari eletti e gli attori della società civile di una serie di comuni selezionati.


Auguri di Buon Anno da ALDA!

Siamo finalmente giunti alla fine di un anno che ci ha messo alla prova da diverse prospettive, ponendo ciascuno di noi di fronte a sfide personali, sociali ed economiche.

Da parte nostra, ALDA ha fatto del suo meglio per stare vicino a tutti i membri e al nostro network ed accompagnarli in questo difficile periodo.

"A nome di tutto il team di ALDA - ha dichiarato il nostro Presidente Oriano Otočan - siamo profondamente convinti che il 2020 abbia dimostrato come mai prima d'ora il valore e la forza dell'appartenenza ad una comunità unita e resiliente. Il network stesso di ALDA potrebbe essere paragonato a tale comunità, o meglio, ad una comunità di comunità: un'entità forte e consolidata, dove nessuno viene lasciato indietro. Infatti, siamo molto orgogliosi dei nostri 20 anni di esistenza e del successo del lavoro e della cooperazione con centinaia di organizzazioni non governative, città, comuni e regioni".

"L'anno alle nostre spalle non è stato facile e molti hanno sofferto - continua Otočan - I problemi legati alla pandemia di Covid-19 possono averci rallentato ma non ci hanno certo fermato". Al di là di questo, il mio desiderio per l'anno che si avvicina è quello di vedere la rete di ALDA crescere e diventare un esempio globale e un punto di riferimento di buon governo e di partecipazione". La diffusione di valori come la pace, la solidarietà e l'impegno civile servirà ad evitare il ripetersi dei conflitti e delle violazioni dei diritti umani di cui siamo stati testimoni nel 2020".

"Infine, ma non meno importante - conclude il nostro Presidente - possa il 2021 essere l'anno in cui ci riuniremo tutti insieme, di nuovo! Auguro a tutti il meglio! Vi auguro un 2021 migliore, più calmo, più sicuro e più felice!”

Un augurio speciale a tutto il network di ALDA è stato registrato dal nostro Segretario Generale Antonella Valmorbida: guarda il video qui sotto e scegli una lingua tra ingleseitaliano, francese o russo.

Siamo finalmente giunti alla fine di un anno che ci ha messo alla prova da diverse prospettive, ponendo ciascuno di noi di fronte a sfide personali, sociali ed economiche.

Da parte nostra, ALDA ha fatto del suo meglio per stare vicino a tutti i membri e al nostro network ed accompagnarli in questo difficile periodo.

"A nome di tutto il team di ALDA - ha dichiarato il nostro Presidente Oriano Otočan - siamo profondamente convinti che il 2020 abbia dimostrato come mai prima d'ora il valore e la forza dell'appartenenza ad una comunità unita e resiliente. Il network stesso di ALDA potrebbe essere paragonato a tale comunità, o meglio, ad una comunità di comunità: un'entità forte e consolidata, dove nessuno viene lasciato indietro. Infatti, siamo molto orgogliosi dei nostri 20 anni di esistenza e del successo del lavoro e della cooperazione con centinaia di organizzazioni non governative, città, comuni e regioni".

"L'anno alle nostre spalle non è stato facile e molti hanno sofferto - continua Otočan - I problemi legati alla pandemia di Covid-19 possono averci rallentato ma non ci hanno certo fermato". Al di là di questo, il mio desiderio per l'anno che si avvicina è quello di vedere la rete di ALDA crescere e diventare un esempio globale e un punto di riferimento di buon governo e di partecipazione". La diffusione di valori come la pace, la solidarietà e l'impegno civile servirà ad evitare il ripetersi dei conflitti e delle violazioni dei diritti umani di cui siamo stati testimoni nel 2020".

"Infine, ma non meno importante - conclude il nostro Presidente - possa il 2021 essere l'anno in cui ci riuniremo tutti insieme, di nuovo! Auguro a tutti il meglio! Vi auguro un 2021 migliore, più calmo, più sicuro e più felice!”

Un augurio speciale a tutto il network di ALDA è stato registrato dal nostro Segretario Generale Antonella Valmorbida: guarda il video qui sotto e scegli una lingua tra ingleseitaliano, francese o russo.


Sviluppo del piano strategico di ALDA per il partenariato orientale

Ultimo ma non meno importante della serie di webinar promossi da ALDA per sviluppare il nostro nuovo Piano Strategico, il quarto incontro-discussione online si concentrerà sul nostro progetto e sulla strategia di sviluppo nel Partenariato orientale Paesi, vale a dire Moldova, Ucraina, Bielorussia, Azerbaigian, Armenia e Georgia.

Come sottolineato dal Sig. Vassilis Maragos, Capo Unità - DG Near della Commissione Europea in una recente intervista datata luglio 2020 “[….] costruire le relazioni con il Partenariato orientale è un passo fondamentale verso l'integrazione europea ”. Ha anche richiamato l'attenzione sul fatto che "democrazia e Stato di diritto rimangono due pilastri su cui devono fare affidamento ogni altra questione socio-economico-politica come la transizione verde, la trasformazione digitale e le partnership eque."

Unisciti a noi per un webinar online su 21 dicembrest, 2020 alle 14:00 per conoscere la nostra strategia nella regione del partenariato orientale!

Assolutamente in linea con questi principi, il webinar illustrerà i punti di vista e il piano d'azione di ALDA per contribuire al processo di trasformazione e responsabilizzazione delle comunità basate sul partenariato orientale.

L'appuntamento, aperto a tutti i soci e partner di ALDA, è aperto Lunedi, 21 dicembrest, 2020, a 14:00 CET.

Sig.ra Antonella Valmorbida, Il Segretario Generale di ALDA aprirà il pannello e il webinar sarà tenuto dalla sig.ra Ms Shorena Khukhua, appena eletto membro del consiglio di amministrazione e da Sig. Alexandru Coica, Coordinatore regionale EaP.

 

Per avere un quadro più preciso della situazione, è essenziale tenere presente che l'area del partenariato orientale è un percorso di lavoro chiave per ALDA, dal 2006. I nostri obiettivi strategici per i prossimi anni sono rafforzare la nostra presenza in questa regione, potenziando autorità locali e l'attuazione del decentramento e delle riforme territoriali.

Membri e partner ALDA, potete registrarvi ATTRAVERSO QUESTO LINK per partecipare alla conversazione e darci la tua personale visione e opinione sul nostro piano e iniziare a pensare a possibili collaborazioni e progetti nella zona!

Ultimo ma non meno importante della serie di webinar promossi da ALDA per sviluppare il nostro nuovo Piano Strategico, il quarto incontro-discussione online si concentrerà sul nostro progetto e sulla strategia di sviluppo nel Partenariato orientale Paesi, vale a dire Moldova, Ucraina, Bielorussia, Azerbaigian, Armenia e Georgia.

Come sottolineato dal Sig. Vassilis Maragos, Capo Unità - DG Near della Commissione Europea in una recente intervista datata luglio 2020 “[….] costruire le relazioni con il Partenariato orientale è un passo fondamentale verso l'integrazione europea ”. Ha anche richiamato l'attenzione sul fatto che "democrazia e Stato di diritto rimangono due pilastri su cui devono fare affidamento ogni altra questione socio-economico-politica come la transizione verde, la trasformazione digitale e le partnership eque."

Unisciti a noi per un webinar online su 21 dicembrest, 2020 alle 14:00 per conoscere la nostra strategia nella regione del partenariato orientale!

Assolutamente in linea con questi principi, il webinar illustrerà i punti di vista e il piano d'azione di ALDA per contribuire al processo di trasformazione e responsabilizzazione delle comunità basate sul partenariato orientale.

L'appuntamento, aperto a tutti i soci e partner di ALDA, è aperto Lunedi, 21 dicembrest, 2020, a 14:00 CET.

Sig.ra Antonella Valmorbida, Il Segretario Generale di ALDA aprirà il pannello e il webinar sarà tenuto dalla sig.ra Ms Shorena Khukhua, appena eletto membro del consiglio di amministrazione e da Sig. Alexandru Coica, Coordinatore regionale EaP.

 

Per avere un quadro più preciso della situazione, è essenziale tenere presente che l'area del partenariato orientale è un percorso di lavoro chiave per ALDA, dal 2006. I nostri obiettivi strategici per i prossimi anni sono rafforzare la nostra presenza in questa regione, potenziando autorità locali e l'attuazione del decentramento e delle riforme territoriali.

Membri e partner ALDA, potete registrarvi ATTRAVERSO QUESTO LINK per partecipare alla conversazione e darci la tua personale visione e opinione sul nostro piano e iniziare a pensare a possibili collaborazioni e progetti nella zona!


Sviluppo del quadro strategico di ALDA per i Balcani

Le origini di ALDA come Associazione Europea che conosciamo oggi, risiedono profondamente nei Balcani, regione che ha visto, nei primi anni Novanta, la creazione della prima Agenzia della Democrazia Locale, che avrebbe dato vita ad ALDA nel dicembre 1999.

Dopo quasi 30 anni di presenza nei Balcani, come intende portare avanti ALDA la sua azione? Quali piani per sostenere e sviluppare la rete ADL sul territorio e quali progetti di cooperazione e decentramento, per supportare la società civile e le autorità locali, facilitando così l'adesione all'UE dei loro Paesi?

Curioso del nuovo piano strategico di ALDA per l'area chiave dei Balcani occidentali? Unisciti a noi per un webinar online su 17 dicembreth, 2020 alle 14:00!

Vi forniremo tutte le risposte durante il primo webinar regionale incentrato esclusivamente sul piano strategico di ALDA nella regione dei Balcani per i prossimi 4 anni Giovedi, 17 dicembreth, 2020, a 14:00 CET è disponibile tramite QUESTO LINK.

La conversazione sarà condotta da Signor Oriano Otočan, Presidente di ALDA, Sig.ra Antonella Valmorbida, Segretario generale ALDA, sig Nataša Vučković, e Signor Emir Coric, Membri del consiglio di amministrazione, Sig.ra Stanka Parac, Presidente della rete balcanica per la democrazia locale -BNLD e Sig.ra Ivana Petrovska, Coordinatore regionale dei Balcani.

Ciò che è estremamente prezioso è il tuo parere e commenti per conoscere i vostri punti di vista sul nostro progetto per iniziare a pensare a come cooperare insieme nel regionale!

Le origini di ALDA come Associazione Europea che conosciamo oggi, risiedono profondamente nei Balcani, regione che ha visto, nei primi anni Novanta, la creazione della prima Agenzia della Democrazia Locale, che avrebbe dato vita ad ALDA nel dicembre 1999.

Dopo quasi 30 anni di presenza nei Balcani, come intende portare avanti ALDA la sua azione? Quali piani per sostenere e sviluppare la rete ADL sul territorio e quali progetti di cooperazione e decentramento, per supportare la società civile e le autorità locali, facilitando così l'adesione all'UE dei loro Paesi?

Curioso del nuovo piano strategico di ALDA per l'area chiave dei Balcani occidentali? Unisciti a noi per un webinar online su 17 dicembreth, 2020 alle 14:00!

Vi forniremo tutte le risposte durante il primo webinar regionale incentrato esclusivamente sul piano strategico di ALDA nella regione dei Balcani per i prossimi 4 anni Giovedi, 17 dicembreth, 2020, a 14:00 CET è disponibile tramite QUESTO LINK.

La conversazione sarà condotta da Signor Oriano Otočan, Presidente di ALDA, Sig.ra Antonella Valmorbida, Segretario generale ALDA, sig Nataša Vučković, e Signor Emir Coric, Membri del consiglio di amministrazione, Sig.ra Stanka Parac, Presidente della rete balcanica per la democrazia locale -BNLD e Sig.ra Ivana Petrovska, Coordinatore regionale dei Balcani.

Ciò che è estremamente prezioso è il tuo parere e commenti per conoscere i vostri punti di vista sul nostro progetto per iniziare a pensare a come cooperare insieme nel regionale!


Sviluppo del quadro strategico di ALDA nell'area mediterranea

Il secondo della serie di quattro webinar dedicati alla divulgazione di Le visioni strategiche di ALDA per il 2020-2024, si concentrerà sull'area del Mediterraneo.

Dopo aver analizzato il suo piano d'azione per l'Europa, nel secondo webinar Sig.ra Antonella Valmorbida, Segretario generale di ALDA, Sig. Alessandro Perelli, Vicepresidente di ALDA e Sig.ra Giulia Sostero, Il coordinatore dell'area MED illustrerà le opinioni di ALDA per il Mediterraneo.

Partecipa al 2 ° webinar regionale e scopri il nostro nuovo Piano strategico per l'area mediterranea per il 2020-2024!

L'appuntamento è Lunedi, 14 dicembreth, 2020, a 14:00 CET ed è aperto a tutti i membri e partner di ALDA che desiderano avere una panoramica delle nostre attività nella zona negli ultimi anni e apprendere le nostre intenzioni per promuovere la nostra presenza e soprattutto la cooperazione con le autorità e le organizzazioni della società civile a livello locale nel Mediterraneo.

Infatti, ALDA è cresciuta costantemente nel numero di attività e membri nell'area MED negli ultimi 10 anni, miglioramento che ha portato anche all'apertura di due Agenzie della Democrazia Locale, una a Kairouan (Tunisia) e una a Tétouan (Marocco).

ALDA vuole avere una presenza più forte nella regione per contribuire allo sviluppo economico locale basato su un approccio più sostenibile ed equo, sostenendo decentramento, comunità locali e responsabilizzazione della società civile.

REGISTRATI QUI per partecipare alla conversazione e incontriamoci online su Lunedi, 14 dicembreth, 2020, a 14:00 CET.

Il secondo della serie di quattro webinar dedicati alla divulgazione di Le visioni strategiche di ALDA per il 2020-2024, si concentrerà sull'area del Mediterraneo.

Dopo aver analizzato il suo piano d'azione per l'Europa, nel secondo webinar Sig.ra Antonella Valmorbida, Segretario generale di ALDA, Sig. Alessandro Perelli, Vicepresidente di ALDA e Sig.ra Giulia Sostero, Il coordinatore dell'area MED illustrerà le opinioni di ALDA per il Mediterraneo.

Partecipa al 2 ° webinar regionale e scopri il nostro nuovo Piano strategico per l'area mediterranea per il 2020-2024!

L'appuntamento è Lunedi, 14 dicembreth, 2020, a 14:00 CET ed è aperto a tutti i membri e partner di ALDA che desiderano avere una panoramica delle nostre attività nella zona negli ultimi anni e apprendere le nostre intenzioni per promuovere la nostra presenza e soprattutto la cooperazione con le autorità e le organizzazioni della società civile a livello locale nel Mediterraneo.

Infatti, ALDA è cresciuta costantemente nel numero di attività e membri nell'area MED negli ultimi 10 anni, miglioramento che ha portato anche all'apertura di due Agenzie della Democrazia Locale, una a Kairouan (Tunisia) e una a Tétouan (Marocco).

ALDA vuole avere una presenza più forte nella regione per contribuire allo sviluppo economico locale basato su un approccio più sostenibile ed equo, sostenendo decentramento, comunità locali e responsabilizzazione della società civile.

REGISTRATI QUI per partecipare alla conversazione e incontriamoci online su Lunedi, 14 dicembreth, 2020, a 14:00 CET.


Spiegare il quadro strategico di ALDA per ... l'Europa!

Come annunciato in precedenza, ALDA ha rivelato il lancio di 4 webinar regionali, gratuiti e aperti ai membri e ai partner di ALDA, con l'obiettivo di Nuovo Piano strategico per il 2020-2024.

Il primo incontro-discussione online si concentrerà sul Area europea e la futura strategia di ALDA per rafforzare la democrazia locale nel Vecchio Continente.

Partecipa al 1 ° webinar regionale europeo e scopri il nostro nuovo piano strategico per il 2020-2024!

L'appuntamento è Lunedi, 7 dicembreth, 2020, a 14:00 CET ed è aperto a tutti i membri e partner di ALDA.

La conversazione sarà condotta da Signor Oriano Otočan, Presidente di ALDA, Sig.ra Antonella Valmorbida, Segretario generale di ALDA, Sig. Francesco Zarzana e Sig. Bartłomiej Ostrowski, Vicepresidenti ALDA.

La rete di ALDA è l'Europa è ben sviluppata e diversificata: tuttavia un ulteriore sforzo per coinvolgere gli stakeholder locali è fondamentale per avere un impatto e essere, insieme, forti driver di cambiamento.

Membri e partner di ALDA, REGISTRATI QUI per partecipare alla conversazione e incontriamoci online per scoprire il nostro strategia, azioni pianificate e valori pilastro!

Come annunciato in precedenza, ALDA ha rivelato il lancio di 4 webinar regionali, gratuiti e aperti ai membri e ai partner di ALDA, con l'obiettivo di Nuovo Piano strategico per il 2020-2024.

Il primo incontro-discussione online si concentrerà sul Area europea e la futura strategia di ALDA per rafforzare la democrazia locale nel Vecchio Continente.

Partecipa al 1 ° webinar regionale europeo e scopri il nostro nuovo piano strategico per il 2020-2024!

L'appuntamento è Lunedi, 7 dicembreth, 2020, a 14:00 CET ed è aperto a tutti i membri e partner di ALDA.

La conversazione sarà condotta da Signor Oriano Otočan, Presidente di ALDA, Sig.ra Antonella Valmorbida, Segretario generale di ALDA, Sig. Francesco Zarzana e Sig. Bartłomiej Ostrowski, Vicepresidenti ALDA.

La rete di ALDA è l'Europa è ben sviluppata e diversificata: tuttavia un ulteriore sforzo per coinvolgere gli stakeholder locali è fondamentale per avere un impatto e essere, insieme, forti driver di cambiamento.

Membri e partner di ALDA, REGISTRATI QUI per partecipare alla conversazione e incontriamoci online per scoprire il nostro strategia, azioni pianificate e valori pilastro!