Quest'anno, il 9 maggio non solo si celebrerà la "Giornata dell'Europa", ma segnerà anche l'inizio della Conferenza sul futuro dell'Europa (COFOE), tenuta - in formato ibrido - al Parlamento europeo di Strasburgo. Ma cos'è la Conferenza sul futuro dell'Europa? Almeno una volta ogni tanto, ognuno di noi si è posto questa domanda. Ebbene, la Conferenza (COFOE) rappresenta l'opportunità per i cittadini europei di discutere e dibattere sia sulle sfide, sia sulle priorità, sia sul percorso futuro che l'Europa dovrebbe seguire. Quindi, l'idea alla base è che tutte e tre le istituzioni - Parlamento europeo, Consiglio e Commissione - ascolteranno i cittadini europei, le loro idee e proposte per quanto riguarda il futuro dell'Europa.

Rimane ancora una domanda: "Come possono le persone partecipare attivamente alla Conferenza? 

Sulla base di un approccio dal basso verso l'alto e orientato ai cittadini, i cittadini possono prendere parte a diverse conferenze ed eventi, divisi per argomenti. A partire dalla piattaforma digitale multilingue i cittadini avranno la possibilità di condividere le loro idee; organizzare eventi e unirsi ad alcuni di essi già disponibili nello spazio partecipativo online. Inoltre, anche dal lato istituzionale, organizzare panel di cittadini europei, che dovranno essere rappresentativi in termini di età, background socioeconomico, genere e origini dei cittadini; e fornire input alla Conferenza Plenaria.

"I presidenti del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione europea mirano a dare ai cittadini la possibilità di esprimersi su ciò che li riguarda"

Quest'ultima farà in modo che le raccomandazioni, risultanti dai panel e dai dibattiti, siano prese in considerazione nelle future riunioni, previste almeno ogni sei mesi. Più tecnicamente, i rappresentanti del Parlamento, del Consiglio, della Commissione e dei parlamenti nazionali costituiranno la Conferenza Plenaria. Inoltre, saranno rappresentati anche esponenti del Comitato delle Regioni e del Comitato economico e sociale, insieme alle parti sociali e alla società civile. Il risultato finale della Conferenza sarà consegnato alla Presidenza congiunta, risultante dall'autorità di tutte e tre le istituzioni.

Come si può leggere nella dichiarazione congiunta del COFOE, "i presidenti del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione europea mirano a dare ai cittadini la possibilità di esprimersi su ciò che li riguarda". Avendo questo in mente, per coloro che hanno seguito ALDA e il suo lavoro, presto riconosceranno l'importanza che questa occasione ha, quando si tratta di portare la voce delle persone a livello istituzionale. Così, a questo proposito, il nostro segretario generale - Antonella Valmorbida - è stata recentemente eletta nel comitato direttivo della Convenzione della società civile, occupando una posizione chiave per quanto riguarda la promozione delle idee, dei desideri e delle preoccupazioni dei cittadini. In questo quadro, ALDA, insieme ad altre organizzazioni della società civile, è sempre stata coerente, concreta e proattiva nello stimolare l'impegno dei cittadini e il dialogo tra le persone e le istituzioni.

ALDA attende con ansia la Conferenza sul futuro dell'Europa, come un'occasione concreta per ripartire, migliorare e rafforzare l'Europa insieme ai suoi cittadini!

Unisciti ad altri cittadini e prendi parte alle attività della "Giornata dell'Europa":

Quest'anno, il 9 maggio non solo si celebrerà la "Giornata dell'Europa", ma segnerà anche l'inizio della Conferenza sul futuro dell'Europa (COFOE), tenuta - in formato ibrido - al Parlamento europeo di Strasburgo. Ma cos'è la Conferenza sul futuro dell'Europa? Almeno una volta ogni tanto, ognuno di noi si è posto questa domanda. Ebbene, la Conferenza (COFOE) rappresenta l'opportunità per i cittadini europei di discutere e dibattere sia sulle sfide, sia sulle priorità, sia sul percorso futuro che l'Europa dovrebbe seguire. Quindi, l'idea alla base è che tutte e tre le istituzioni - Parlamento europeo, Consiglio e Commissione - ascolteranno i cittadini europei, le loro idee e proposte per quanto riguarda il futuro dell'Europa.

Rimane ancora una domanda: "Come possono le persone partecipare attivamente alla Conferenza? 

Sulla base di un approccio dal basso verso l'alto e orientato ai cittadini, i cittadini possono prendere parte a diverse conferenze ed eventi, divisi per argomenti. A partire dalla piattaforma digitale multilingue i cittadini avranno la possibilità di condividere le loro idee; organizzare eventi e unirsi ad alcuni di essi già disponibili nello spazio partecipativo online. Inoltre, anche dal lato istituzionale, organizzare panel di cittadini europei, che dovranno essere rappresentativi in termini di età, background socioeconomico, genere e origini dei cittadini; e fornire input alla Conferenza Plenaria.

"I presidenti del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione europea mirano a dare ai cittadini la possibilità di esprimersi su ciò che li riguarda"

Quest'ultima farà in modo che le raccomandazioni, risultanti dai panel e dai dibattiti, siano prese in considerazione nelle future riunioni, previste almeno ogni sei mesi. Più tecnicamente, i rappresentanti del Parlamento, del Consiglio, della Commissione e dei parlamenti nazionali costituiranno la Conferenza Plenaria. Inoltre, saranno rappresentati anche esponenti del Comitato delle Regioni e del Comitato economico e sociale, insieme alle parti sociali e alla società civile. Il risultato finale della Conferenza sarà consegnato alla Presidenza congiunta, risultante dall'autorità di tutte e tre le istituzioni.

Come si può leggere nella dichiarazione congiunta del COFOE, "i presidenti del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione europea mirano a dare ai cittadini la possibilità di esprimersi su ciò che li riguarda". Avendo questo in mente, per coloro che hanno seguito ALDA e il suo lavoro, presto riconosceranno l'importanza che questa occasione ha, quando si tratta di portare la voce delle persone a livello istituzionale. Così, a questo proposito, il nostro segretario generale - Antonella Valmorbida - è stata recentemente eletta nel comitato direttivo della Convenzione della società civile, occupando una posizione chiave per quanto riguarda la promozione delle idee, dei desideri e delle preoccupazioni dei cittadini. In questo quadro, ALDA, insieme ad altre organizzazioni della società civile, è sempre stata coerente, concreta e proattiva nello stimolare l'impegno dei cittadini e il dialogo tra le persone e le istituzioni.

ALDA attende con ansia la Conferenza sul futuro dell'Europa, come un'occasione concreta per ripartire, migliorare e rafforzare l'Europa insieme ai suoi cittadini!

Unisciti ad altri cittadini e prendi parte alle attività della "Giornata dell'Europa":