Dall'inizio della crisi del COVID19 sono stati fatti molti sacrifici per assicurare e garantire la salute della popolazione. Sfortunatamente, l'istruzione era uno dei campi in cui fare sacrifici. La chiusura di scuole, università e altri istituti di apprendimento, nonché l'interruzione di molti programmi di alfabetizzazione e apprendimento permanente, ha influito sulla vita di 1,6 miliardi di studenti in oltre 190 paesi, come evidenziato dal rapporto delle Nazioni Unite "Recuperare e rivitalizzare l'istruzione per la generazione COVID-19 " . Tuttavia, c'è speranza, come sottolineato da Sun Tzu in L'arte della guerra, attivo del VI secolo a.C.. "In mezzo al caos, ci sono anche opportunità." L'arte della guerra di Sun Tzu è ancora rilevante nel nostro tempo attuale. Vedendo le opportunità, l'innovazione può emergere ed essere sviluppata. Questa crisi è anche l'occasione per ricostruire un mondo migliore in cui un'istruzione di qualità inclusiva ed equa sia accessibile a tutti.

Se il futuro dell'istruzione è digitale e soprattutto se i videogiochi possono essere utilizzati per essere al servizio dell'istruzione. Invece di imparare facendo, andiamo a imparare giocando ai videogiochi. È la scommessa di 2 progetti europei, Il rude risveglio e P-CUBE, iniziato durante la crisi sanitaria. Mettono gli strumenti digitali al centro della loro strategia per evidenziare e avvicinare gli argomenti alle nuove generazioni. In che modo i videogiochi possono supportare l'istruzione delle giovani generazioni?

 

Insegnare una storia comune giocando o come parlare della prima guerra mondiale

La guerra non è un argomento facile di cui parlare e le conseguenze non sono facili da spiegare. Tuttavia, c'è bisogno di parlarne, insegnarlo e sensibilizzarlo. Il progetto europeo "Il rude risveglio" ha scelto di utilizzare strumenti digitali per insegnare alle giovani generazioni la guerra e la pace. Un videogioco permette di ricreare l'atmosfera della prima guerra mondiale, di insegnare la storia culturale ed europea comune che i paesi condividono e, soprattutto, permette di giocare e di mettersi nei panni di un soldato della prima guerra mondiale. L'apprendimento attraverso il gioco deve assicurarsi che le informazioni e il contenuto siano accurati. Il progetto rende un punto d'onore assicurarsi che i giocatori apprendano informazioni vere e accurate. Ecco perché la narrazione si basa su una documentazione accurata, testimonianze reali, ricordi, lettere, immagini, ... Ma l'identificazione con i personaggi di fantasia è la cornice innovativa attraverso la quale il giocatore scopre la vita quotidiana di un soldato in guerra, le lotte quotidiane per il cibo, l'acqua, combatte il freddo, il caldo, la stanchezza, la morte. Sviluppando questo videogioco, il progetto vuole rendere i giocatori, in particolare le giovani generazioni, più legati al patrimonio storico e culturale europeo.

Imparare giocando. Imparare sentendo e sperimentando. Imparare la solidarietà e la cittadinanza!

Insegnare il processo decisionale pubblico o come promuovere l'impegno civico

La cittadinanza è al centro della nostra società e i giovani hanno bisogno di capire come funziona. Saranno loro a guidare e prendere la decisione chiave nel prossimo futuro e devono avere la conoscenza per capire come dovrebbero essere prese tali decisioni: che cos'è una politica pubblica? Come vengono prese le decisioni? In che modo queste decisioni possono avere un impatto sulla nostra società e sulla nostra vita? Il progetto europeo P-CUBE vuole sviluppare un gioco educativo per insegnare la teoria delle politiche pubbliche. Il progetto mira a passare da un tabellone di gioco a un videogioco, da offline a online. Lo scopo è quello di contribuire a dissipare idee sbagliate sul modo in cui vengono prese le innovazioni nelle politiche pubbliche presentando il processo attraverso un modello interessante e realistico, attraverso un videogioco. Il gioco aiuterà i giocatori a familiarizzare con le complessità del processo decisionale pubblico e mostrerà che esistono diversi modi per superare gli ostacoli che impediscono ai sistemi di governance attuali di affrontare i problemi collettivi.

 

Imparare facendo. Imparare giocando all'ordine pubblico. Imparare a crescere come cittadino. Impara e assicurati che la prossima generazione sia pronta a guidare!

 

Istruzione e digitale

Il digitale può essere un vero pilastro per aiutare nella lotta alle disuguaglianze e aumentare l'inclusione. Gli strumenti digitali possono fornire un accesso più ampio all'istruzione per tutti. Ma il sistema educativo deve essere pronto per questo cambiamento e implicare che Internet, telefono, computer e altri strumenti digitali devono essere accessibili a tutti i cittadini. Essere uguali di fronte all'accesso digitale. La pandemia ci sta fornendo un'opportunità unica per avere una nuova visione sul sistema educativo, sull'uso degli strumenti digitali per apprendere e insegnare e per trovare nuovi modi innovativi per avere un'istruzione inclusiva e accessibile.

Questa crisi sta spingendo ogni cittadino, governo e istituzioni internazionali a fare sacrifici e sta cambiando il nostro modo di vivere. Tuttavia e in occasione del Giornata internazionale dell'educazione, dovremmo ricordare come l'istruzione è la chiave per lo sviluppo di un paese e per costruire e ricostruire le nostre società. Come i videogiochi, qualsiasi forma di metodologia educativa dovrebbe essere considerata per ricostruire e ridefinire il nostro mondo e soprattutto assicurarsi di non dimenticare questa affermazione: L'istruzione è un diritto umano.

Dall'inizio della crisi del COVID19 sono stati fatti molti sacrifici per assicurare e garantire la salute della popolazione. Sfortunatamente, l'istruzione era uno dei campi in cui fare sacrifici. La chiusura di scuole, università e altri istituti di apprendimento, nonché l'interruzione di molti programmi di alfabetizzazione e apprendimento permanente, ha influito sulla vita di 1,6 miliardi di studenti in oltre 190 paesi. Tuttavia, c'è speranza. "In mezzo al caos, ci sono anche opportunità." L'arte della guerra di Sun Tzu è ancora rilevante nel nostro tempo attuale. Vedendo le opportunità, l'innovazione può emergere ed essere sviluppata. Questa crisi è anche l'occasione per ricostruire un mondo migliore in cui un'istruzione di qualità inclusiva ed equa sia accessibile a tutti.

Se il futuro dell'istruzione è digitale e soprattutto se i videogiochi possono essere utilizzati per essere al servizio dell'istruzione. Invece di imparare facendo, andiamo a imparare giocando ai videogiochi. È la scommessa di 2 progetti europei, Il rude risveglio e P-CUBE, iniziato durante la crisi sanitaria. Mettono gli strumenti digitali al centro della loro strategia per evidenziare e avvicinare gli argomenti alle nuove generazioni. In che modo i videogiochi possono supportare l'istruzione delle giovani generazioni?

 

Insegnare una storia comune giocando o come parlare della prima guerra mondiale

La guerra non è un argomento facile di cui parlare e le conseguenze non sono facili da spiegare. Tuttavia, c'è bisogno di parlarne, insegnarlo e sensibilizzarlo. Il progetto europeo "The Rude Awakening" ha scelto di utilizzare strumenti digitali per insegnare alle giovani generazioni la guerra e la pace. Un videogioco permette di ricreare l'atmosfera della prima guerra mondiale, di insegnare la storia culturale ed europea comune che i paesi condividono e, soprattutto, permette di giocare e di mettersi nei panni di un soldato della prima guerra mondiale. L'apprendimento attraverso il gioco deve assicurarsi che le informazioni e il contenuto siano accurati. Il progetto rende un punto d'onore assicurarsi che i giocatori apprendano informazioni vere e accurate. Ecco perché la narrazione si basa su una documentazione accurata, testimonianze reali, ricordi, lettere, immagini, ... Ma l'identificazione con i personaggi di fantasia è la cornice innovativa attraverso la quale il giocatore scopre la vita quotidiana di un soldato in guerra, le lotte quotidiane per il cibo, l'acqua, combatte il freddo, il caldo, la stanchezza, la morte. Sviluppando questo videogioco, il progetto vuole rendere i giocatori, in particolare le giovani generazioni, più legati al patrimonio storico e culturale europeo.

Imparare giocando. Imparare sentendo e sperimentando. Imparare la solidarietà e la cittadinanza!

Insegnare il processo decisionale pubblico o come promuovere l'impegno civico

La cittadinanza è al centro della nostra società e i giovani hanno bisogno di capire come funziona. Saranno loro a guidare e prendere la decisione chiave nel prossimo futuro e devono avere la conoscenza per capire come dovrebbero essere prese tali decisioni: che cos'è una politica pubblica? Come vengono prese le decisioni? In che modo queste decisioni possono avere un impatto sulla nostra società e sulla nostra vita? Il progetto europeo P-CUBE vuole sviluppare un gioco educativo per insegnare la teoria delle politiche pubbliche. Il progetto mira a passare da un tabellone di gioco a un videogioco, da offline a online. Lo scopo è quello di contribuire a dissipare idee sbagliate sul modo in cui vengono prese le innovazioni nelle politiche pubbliche presentando il processo attraverso un modello interessante e realistico, attraverso un videogioco. Il gioco aiuterà i giocatori a familiarizzare con le complessità del processo decisionale pubblico e mostrerà che esistono diversi modi per superare gli ostacoli che impediscono ai sistemi di governance attuali di affrontare i problemi collettivi.

Imparare facendo. Imparare giocando all'ordine pubblico. Imparare a crescere come cittadino. Impara e assicurati che la prossima generazione sia pronta a guidare!

 

Istruzione e digitale

Il digitale può essere un vero pilastro per aiutare nella lotta alle disuguaglianze e aumentare l'inclusione. Gli strumenti digitali possono fornire un accesso più ampio all'istruzione per tutti. Ma il sistema educativo deve essere pronto per questo cambiamento e implicare che Internet, telefono, computer e altri strumenti digitali devono essere accessibili a tutti i cittadini. Essere uguali di fronte all'accesso digitale. La pandemia ci sta fornendo un'opportunità unica per avere una nuova visione sul sistema educativo, sull'uso degli strumenti digitali per apprendere e insegnare e per trovare nuovi modi innovativi per avere un'istruzione inclusiva e accessibile.

Questa crisi sta spingendo ogni cittadino, governo e istituzioni internazionali a fare sacrifici e sta cambiando il nostro modo di vivere. Tuttavia e in occasione del Giornata internazionale dell'educazione, dovremmo ricordare come l'istruzione è la chiave per lo sviluppo di un paese e per costruire e ricostruire le nostre società. Come i videogiochi, qualsiasi forma di metodologia educativa dovrebbe essere considerata per ricostruire e ridefinire il nostro mondo e soprattutto assicurarsi di non dimenticare questa affermazione: L'istruzione è un diritto umano.