Rete di progetti 3STEPS in Grecia, Italia, Turchia, Francia e Spagna

La conferenza internazionale 3STEPS, intitolata "Inclusione sociale di migranti e rifugiati (poco qualificati) nell'istruzione. Join 3STEPS network" si è svolta il 23 novembre 2022 a Strasburgo. Ospitati da ALDA, i partner e gli ospiti (sia online che offline) hanno partecipato attivamente alla conferenza, cogliendone il meglio.

 

Da un punto di vista generale, il progetto 3STEPS intende sostenere l'inclusione sociale di migranti e rifugiati promuovendo due metodologie precedentemente implementate: la "Metodologia dell'istruzione di base" e "Tandem Now". Nello specifico, il progetto intende aumentare le possibilità di migranti e rifugiati di rimanere all'interno del sistema educativo e professionale del Paese ospitante, fornendo loro competenze di base e una base stabile per ulteriori risultati personali.

 

La prima parte della conferenza è stata dedicata ad approfondimenti sulle attività realizzate e sui risultati del progetto, sulla base delle informazioni raccolte da ciascun partner. Ecco gli aspetti principali:

  • Caminos, Spanish association and leader of the project, provided an overview on the key aspects of the project, the “3 steps” to take: 
    • Basic education training to improve skills on literacy, numeracy and digital skills
    • Vocational orientation and blended learning by role models mentors
    • Social inclusion and mutual learning activities
  • Dopo aver fornito una panoramica sul contesto italiano, il CESIE ha illustrato il lavoro svolto in termini di mentoring. Quest'ultimo si riferisce alle attività di orientamento o di informazione sviluppate in base alle esigenze dei mentee mentori con background migratorio esperti dal punto di vista linguistico e culturale.
  • Allo stesso modo, Mozaik ha ricordato come, grazie al progetto 3STEPS, l'organizzazione sia stata in grado di creare uno spazio per i giovani migranti/rifugiati in Turchia per contribuire con i loro talenti e le loro forze al benessere dell'intera società nel lungo periodo. Per questo motivo, la formazione è stata un modo per aumentare la loro motivazione e immaginare i loro percorsi futuri.


  • Un grande approfondimento sia in termini di contesto greco sui minori non accompagnati, sia in termini di formazione dei formatori. In qualità di responsabile del pacchetto di lavoro, Symplexis ha condiviso con il pubblico le attività svolte, introducendo il concetto di "mentori come modelli di ruolo", .attraverso il volontariato. In altre parole, i mentori sostengono i giovani nell'orientamento professionale, negli studi e nel rafforzamento delle loro competenze di vita.

Inoltre, come sottolineato dai partecipanti, ciò che è assolutamente necessario quando si parla di "Educazione inclusiva" è il miglioramento della collaborazione tra le diverse parti interessate, che richiede azioni costanti e la condivisione di conoscenze, strumenti e buone pratiche attraverso una solida rete.

 

Quest'ultimo è quindi tra le volontà alla base del progetto: creare un gruppo di persone interessate all'argomento, in modo da avere una collaborazione internazionale, lavorando al contempo per sviluppare un policy brief, utile per ulteriori studi e miglioramenti. Un approccio olistico che prenda in considerazione sia lo sviluppo educativo che quello professionale, concentrandosi sulle peculiarità degli individui, è al centro dell'"Educazione inclusiva": pertanto, avere una rete che lavori per facilitare e riflettere su questi punti sarà di grande valore.

Nel complesso, la Conferenza internazionale di networking ha segnato una tappa importante per l'ulteriore localizzazione dell'evento, per il coinvolgimento di organizzazioni e cittadini di Strasburgo e per la diffusione della consapevolezza e dello scambio sull'educazione inclusiva.

Per ulteriori informazioni, non esitate a contattare: Anita Lugli, Project Manager.

 

🇦🇲 Read the news in Armenian
🇬🇪 Read the news in Georgian
🇷🇴 Read the news in Romanian
🇺🇦 Read the news in Ukrainian