Partecipazione alla tavola rotonda sulla "Ricostruzione dell'Ucraina"

La localizzazione e la cooperazione decentrata rappresentano un punto di svolta e un approccio positivo nel processo democratico dei Paesi del Partenariato orientale (PO). Tuttavia, considerando l'invasione in corso in Ucraina, la pressione che la Moldavia sta affrontando anche in termini di approvvigionamento energetico o la guerra che l'Armenia ha dovuto affrontare - solo per citarne alcune - come è possibile superare queste sfide?

Avviare un processo di ricostruzione basato sulla resilienza delle autorità locali, dei comuni e dei cittadini non è solo una condizione necessaria, ma anche il percorso da seguire quando si affronta una crisi. Pertanto, prevedere il ruolo di ciascun attore coinvolto nel processo di ricostruzione in primo luogo, e in quello democratico in secondo luogo, è essenziale per comprendere la situazione attuale nella regione del PO.

All'indomani dell'11° riunione annuale del CORLEAP, l'Unione delle città e dei comuni della Repubblica Ceca ha organizzato una conferenza internazionale volta a costruire ponti e a collegare i comuni dell'UE con quelli dei paesi del partenariato orientale. Come ha ricordato Petr Gandalovič, direttore del Dipartimento per gli aiuti allo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Ceca e moderatore del secondo panel sulla "Ricostruzione dell'Ucraina", "sono stati rappresentati i quattro livelli della ricostruzione: quello internazionale, quello nazionale, quello dei comuni e quello dei cittadini".


La ricostruzione avverrà a livello locale e richiederà un approccio multistakeholder e multilivello


Da un punto di vista generale, la tremenda guerra e le condizioni disumane che l'Ucraina sta affrontando devono essere comprese in un contesto più ampio: "Questa non è solo una guerra regionale" - ha spiegato Jaroslav Kurfürst, viceministro degli Affari esteri per le questioni europee. Ciò che sta accadendo ha quindi un effetto di ricaduta che coinvolge diversi attori, dal Partenariato orientale all'Unione europea, fino all'intero sistema globale.

Inoltre, come ha ricordato Georg Ziegler, DG NEAR della Commissione europea, occorre tenere conto dello status di candidato e della stabilità finanziaria: l'Ucraina ha bisogno di sostegno per evitare l'inflazione e qualsiasi minaccia rappresentata da una situazione finanziaria instabile.

Se a livello internazionale e nazionale le autorità e i governi stanno facendo un passo avanti, anche il livello locale deve essere preso in considerazione. "L'Ucraina ha fatto la sua scelta" - ha dichiarato Anatoliy Fedoruk, sindaco della città di Bucha, che insieme a Yana Litvinova, sindaco di Starobilsk nella regione di Luhansk, ha rappresentato due comuni dell'Ucraina. È proprio dalla volontà delle persone e dal ruolo che esse svolgono con i comuni che deve iniziare il processo di ricostruzione. "Credo nella nostra comune, e sottolineo comune, vittoria" ha concluso Fedoruk, sottolineando lo stretto coinvolgimento e il sostegno dell'UE in questa situazione.

Infine, questa visione è stata condivisa anche da Antonella Valmorbida, Segretaria Generale di ALDA, che, ricordando Maidan, ha sottolineato l'importanza dei cittadini come "motori della storia". Inoltre, sulla base degli esempi di successo delle Agenzie della Democrazia Locale (ADL), a partire da quelle istituite alla fine della guerra nei Balcani, Valmorbida ha sostenuto che "la ricostruzione avverrà a livello locale, richiedendo un approccio multistakeholder e multilivello; lavorando insieme per uno sforzo comune".

***
The Panel took place in Liberec, Czech Republic on 4 November 2022. See the full agenda here