NEWS

Home / News stories

How's it going? A quarterly review by our six Civil Service volunteers



Last February we welcomed six Civil Service volunteers to our team in the ALDA offices of Brussels, Skopje and Strasbourg. After four months since their arrival, Alessandro, Arianna, Elisa, Francesca, Giorgia and Virginia share their thoughts about their experience in ALDA so far.

Virginia: "I had the chance to start my journey with the ALDA’s Project Management Unit in the stimulating and dynamic office of Strasbourg, and I feel grateful for the support shown to me by the ALDA staff. Thanks to the trust they placed in me, I really feel part of a big team who shares the same values. Among all the things I learned so far, I guess the most unexpected was having to quickly rearrange project activities -while preserving their value- based on the new safety rules enforced by the pandemic. In the forthcoming months, I look forward to devoting myself to the tasks I still have not had the occasion to experience, such as delivering in-person trainings, travelling to meet a partner or attending international meetings and conferences".

Giorgia: "The entire Brussels team is young, kind, and active! I'm working with the Programmes & Development unit and it has been a learning, exciting, and challenging experience. In the past few weeks, besides, I've started to collaborate more with ALDA+ and I’ve found this part of the job very exciting, too! ALDA is an association with many different sectors of expertise and it’s good to have the opportunity to try new tasks and diversify your work. I look forward to working on the development of the projects, because I'm really interested in this aspect of the job! I also look forward to returning to the Brussels office full time very soon, and to a more normal life outdoors!".

Elisa: "The global pandemic made my first months in Skopje more solitary than expected. I started working remotely only two weeks after my arrival, and the city rapidly shut down in the following days. It's not hard to practice social distancing in a city you barely know: what is harder is to focus on adapting to a new workplace and lifestyle even when the usual coping strategies are not accessible. The biggest lesson I have learned is the importance of cultivating soft skills: especially when working remotely, they turned out to be paramount to maintain a good communication and team cohesion. As the global lockdown loosens up, I am really looking forward to opportunities to explore the neighboring countries and meet the different LDAs to gain a deeper understanding of the Region".

Francesca: "Considering the uncertain times in which we are all living, I believe that having the chance to work during this pandemic has definitely been a privilege. My first months at ALDA have been quite enriching: every day has been full of opportunities and stimuli to develop a new fundraising strategy or find an innovative idea to present along with a project. I can't wait to go back to the Council of Europe and feel again part of its dynamic life. This will bring me the same buzzing feeling I now experience when I walk around Strasbourg and I see all the flowers in full blossom. There are thousands of other projects I am eager to start writing and I'm sure that ALDA is the right place to keep furthering my personal and professional development".

Arianna: "My civil service started in Skopje, but global events that ran over our everyday life led me to decide to return to Italy. So, what I have learned so far is to be ready to take significant decisions by responding fully to any inconvenience. Too bad, for lack of time I could not (yet) discover Macedonian culture and Skopje’s heritage. Despite everything, I however attended a few events that showed me a little slice of Balkan traditions and customs. And our international team certainly demonstrated how to respond efficiently and work productively in a hard moment: the ALDA team is working creatively to re-aim our old goals with a new method. I look forward to being able to return to my office with even more interest and motivation".

Alessandro: "It has only been 4 months since my Belgian adventure began and yet I already have the feeling that the person who left his beloved Roman home is no longer the same as he was before he left. Perhaps this is due to all the changes I've embraced: new city, new habits, new responsibilities and new friends or more simply because I finally stepped out of my comfort zone. As I read somewhere, stepping out of your comfort zone means you’re moving into uncharted territory. You’re trying things that you’ve never tried before and learning things you’ve never learned before. In other words, I basically went from being a fairly big fish in my pond to being a tiny little scared fish. But I guess that it’s perfectly normal and I think it’s all part of the same process. As long as I have an open mind and I can count on my incredible new colleagues nothing is going to hold me back from enjoying this amazing experience. Here, thanks to ALDA, more than technical aspects I am learning how to be a more multitasking and flexible person, capable of adopting a resilient approach in difficult times. Looking to the future, I do believe that things are going to get better and better".
 
Together, we will make it! We heartily thank all six Civil Service volunteers and can't but wish them an even better (and more mobile!) second quarter of their year-long experience!

 


italiano

Come sta andando? Una testimonianza trimestrale dei nostri sei volontari del servizio civile

Lo scorso febbraio abbiamo accolto sei volontari del servizio civile nel nostro team negli uffici di ALDA di Bruxelles, Skopje e Strasburgo. A quattro mesi dal loro arrivo, Alessandro, Arianna, Elisa, Francesca, Giorgia e Virginia condividono i loro pensieri sulla loro esperienza intrapresa finora con ALDA.

Virginia: "Ho avuto la possibilità di cominciare la mia avventura nel dipartimento di gestione dei progetti di ALDA nello stimolante e dinamico ufficio di Strasburgo e sono grata per il supporto che ho ricevuto dallo staff di ALDA. Grazie alla fiducia che hanno riposto in me, mi sento davvero parte di un grande team che condivide gli stessi valori. Tra tutte le cose che ho imparato finora, immagino che la più inaspettata sia stata quella di riorganizzare rapidamente le attività dei progetti, preservandone i valori, in base alle nuove norme di sicurezza imposte dalla pandemia. Nei prossimi mesi non vedo l'ora di dedicarmi ai compiti che non ho ancora avuto l'occasione di svolgere, come tenere corsi di formazione di persona, viaggiare per incontrare i partner o partecipare a riunioni e conferenze internazionali".

Giorgia: "Il team di Bruxelles è giovane, gentile e attivo! Lavoro nel dipartimento programmi e sviluppo ed è un'esperienza emozionante, stimolante e di apprendimento. Nelle ultime settimane, inoltre, ho iniziato a collaborare maggiormente con ALDA+ e trovo anche questa parte del lavoro molto entusiasmante! ALDA è un'associazione con molti settori di competenza diversi ed è bello avere l'opportunità di provare nuovi compiti e diversificare il proprio lavoro. Lavoro allo sviluppo dei progetti, perché sono molto interessata a questo aspetto del lavoro! Non vedo l'ora di tornare presto nell'ufficio di Bruxelles a tempo pieno e vivere una vita più normale all'aperto".

Elisa: "I primi quattro mesi a Skopje si sono rivelati più solitari del previsto. Ho iniziato a lavorare da casa due settimane dopo il mio arrivo, e la città ha cominciato rapidamente a chiudere cinema, musei e ristoranti. Non è difficile mantenere il distanziamento sociale in una città che hai malapena avuto il tempo di conoscere: quel che è più complesso e riuscire ad adattarsi a un nuovo team di lavoro e a un diverso stile di vita senza essere in grado di toccarli con mano. La lezione più importante che ho tratto da questi mesi è l'importanza di coltivare le nostre soft skills: soprattutto lavorando da remoto, sono fondamentali per mantenere una buona comunicazione e un team coeso. Con la progressiva riapertura di città e frontiere, spero di riuscire a visitare gli altri paesi dei Balcani e incontrare le varie ADL, per approfondire la mia conoscenza del territorio e delle differenti situazioni post Covid".

Francesca: "Considerando il momento incerto in cui viviamo tutti, credo che avere la possibilità di lavorare durante questa pandemia sia sicuramente un privilegio. I miei primi mesi in ALDA sono stati valorizzanti: ogni giorno è pieno di opportunità e stimoli per sviluppare una nuova strategia di raccolta fondi o trovare un'idea innovativa da presentare insieme a un progetto. Non vedo l'ora di tornare al Consiglio d'Europa e sentirmi di nuovo parte della sua vita dinamica. Questo mi farà sentire come mi sento ora quando a Strasburgo vedo tutti i fiori in piena fioritura. Ci sono migliaia di altri progetti che non vedo l’ora di iniziare a scrivere e sono sicura che ALDA è il posto giusto per continuare a promuovere il mio sviluppo personale e professionale".

Arianna: "Il mio servizio civile è iniziato a Skopje, ma gli eventi globali che hanno investito la nostra vita di tutti i giorni mi hanno portata a decidere di tornare in Italia. Quindi quello che ho imparato finora è di essere pronta a prendere decisioni significative, rispondendo pienamente a qualsiasi inconveniente. Peccato, per mancanza di tempo non ho potuto (ancora) scoprire la cultura macedone e l'eredità di Skopje. Nonostante tutto, ho comunque partecipato ad alcuni eventi che mi hanno mostrato una piccola fetta di tradizioni e costumi dei Balcani. E il nostro team internazionale ha certamente dimostrato come rispondere in modo efficiente e lavorare in modo produttivo in un momento difficile: il team di ALDA lavora in modo creativo per ridisegnare i nostri vecchi obiettivi con un nuovo metodo. Non vedo l'ora di poter tornare nel mio ufficio con ancora più interesse e motivazione".

Alessandro: "Sono passati solo quattro mesi da quando è iniziata la mia avventura belga e tuttavia ho già la sensazione che la persona che ha lasciato la sua amata casa romana non sia più la stessa di prima di partire. Forse questo è dovuto a tutti i cambiamenti che ho affrontato: nuova città, nuove abitudini, nuove responsabilità e nuovi amici, o più semplicemente perché finalmente sono uscito dalla mia comfort zone. Da qualche parte ho letto che uscire dalla propria comfort zone significa trasferirsi in un territorio inesplorato, provare e imparare cose che non si sono mai provate e imparate prima. In altre parole, in pratica sono passato dall'essere un pesce abbastanza grande nel mio stagno ad un piccolo pesce spaventato. Ma immagino che sia perfettamente normale e penso che faccia tutto parte dello stesso processo. Finché avrò una mente aperta e potrò contare sui miei incredibili nuovi colleghi, nulla potrà trattenermi dal godermi questa fantastica esperienza. Qui, grazie ad ALDA, oltre agli aspetti tecnici, sto imparando a essere una persona più multitasking e flessibile, in grado di adottare un approccio resiliente in tempi difficili. Guardando al futuro, credo che le cose andranno sempre meglio".

Insieme ce la faremo! Ringraziamo di cuore tutti e sei i volontari del Servizio Civile e non possiamo che augurare loro un secondo trimestre ancora migliore (e più mobile!) della loro esperienza di un anno! 



mail

Subscribe Newsletter:

Subscribe to ALDA monthly newsletter, available in five languages - English, French, Italian, Serbian, and Russian

Office in Strasbourg

Council of Europe
1, avenue de l'Europe 
F-67075 Strasbourg - France

Phone: +33 3 90 21 45 93
Fax: +33 3 90 21 55 17
Email: aldastrasbourg@aldaintranet.org
General contact: alda@aldaintranet.org

Office in Brussels

Rue Belliard 20
Bruxelles 1040
Belgium
Public transportation: Metro, stop "Arts-Loi", lines 1, 2, 5, 6

Phone: +32 (0)2 430 24 08
Email: aldabrussels@aldaintranet.org

Office in Vicenza

Viale Milano 36
36100 Vicenza - Italy

Phone: +39 04 44 54 01 46
Fax: +39 04 44 23 10 43
Mail : aldavicenza@aldaintranet.org

 

 

Office in Skopje

Bld. Partizanski odredi 43B/1-5
1000 Skopje, Macedonia

Phone: +389 (0) 2 6091 060
Mail: aldaskopje@aldaintranet.org

Office in Tunis

Appartement CREATIVA, 3ème étage, 15, Résidence Gold du Nord,
Les berges du lac, 1053, Tunis, Tunisie

Phone: +216 27 28 34 56
Email: abdelaziz@aldaintranet.org

Office in Chisinau
Str. Mihail Kogălniceanu 18, Chișinău, Moldova, MD-2001
Email: aldamoldova@aldaintranet.org