Secretary

43 Congress Session and the election of the new Secretary General

On Tuesday 25 October 2022, during the 43 Congress Session, the representatives of the delegations of the Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d'Europa elected Mathieu Mori as the new Secretary General of the Congress. The latter, as expressed during his campaign, believes that “the Congress must meet the ever-greater need for democracy. Our local and regional authorities are the beating hearts of our democracies, working the most closely with our citizens”

Now, Mori’s position is one of great responsibility at the institutional level, aiming to strengthen democracy in the 46 member states through dialogue between regional authorities and national governments, in consultation with the Council’s ‘Council of Ministers’.

 

Yet, what is the Congress and what is its mission?

Established in the mid-fifties of the XX century, the 1957 marked the year of the first session of the Conference of Local Authorities in Europe, which then became, in 1983, the “Standing Conference of Local and Regional Authorities of Europe” (CLRAE). Aiming at further foster the role of Local realities and institutions, two years later, in 1985 the CLRAE adopted the “European Charter of Local Self-Government". 

Only in 1994 the Congress adopted its actual name, thus gaining new responsibility, among which the monitoring of local and regional self-government; and the engagement in peace-restoration initiatives in the former Yugoslavia by setting up “Local Democracy Agencies”. The latter are at the centre of ALDA as well, being locally-based organisations, and promoting initiatives through an innovative method of multilateral decentralised cooperation.


ALDA colleagues are very proud of Valmorbida’s achievements; always committed to place the value of local democracy at the heart of her mission. The Association wishes the best of luck to the just appointed Secretary General of the Congress


As briefly mentioned above, since the very beginning, ALDA has had a strong bond with the Council of Europe, working hand in hand with the institution, while serving as a bridge with local communities. Therefore, Ms. Valmorbida - Segretaria Generale di ALDA – decided to further commit herself to the cause, by also running for the position of Secretary General of the Congress.

“I strongly believe in our cause, as the local and regional level are the physical and social places where democracy is built” explains Valmorbida – “development and inclusive societies. They are the basis on which everything else in governance is built.”

ALDA colleagues are very proud of Valmorbida’s achievements; always committed to place the value of local democracy at the heart of her mission. The Association also wishes the best of luck to the just appointed Secretary General, assuring the collaboration for a more inclusive, equal and democratic society.


Fourth Transnational Meeting of the SMELT project: together to help marginalised people to enter the labour market

On 17&18 October 2022, the partners of the SMELT project – Skilling Marginalised people to Enter the Labour markeT, gathered together in Gijon (Spain) for their fourth Transnational Meeting.

The meeting started highlighting the achievements of the projects and the results obtained so far. The SMELT project aims at facing the paradox of business sectors experiencing workforce shortage and the high number of vulnerable people unemployed, by supporting marginalised people in acquiring and developing key competencies strategical for the labour market.

Currently, the project partners are implementing the Intellectual Output 3, which consists in the creation of an innovative output ITEM that will aim at ameliorating the life of people that are in a difficult situation as they are homeless or live in precarious conditions.


SMELT partners in Gijon to support marginalised people and help them enter the labour market


La Intellectual Output 3 is strictly connected with the Intellectual Output 2, which just ended. IO2 was conceived for vulnerable people living in partners’ communities and aimed at increasing job opportunities and specific skills. Called “VET for all – training new welder workers”, during IO2 the participants familiarised in depth with the particularities of the welding sector, and they have been introduced to the requirements and elements for becoming employed in construction/welding industry. 

During the next few months, the participants to the training course (IO2), will work together with the employees of the partner companies to create objects necessary for the daily life of people who find themselves living in this uncomfortable condition. 

With less than three months missing until the end of the project, the Transnational Meeting finished with a discussion on how to keep the project alive beyond its official deadline. The beautiful landscapes of Gijon served as a framework both to discuss the project itself and to get acquainted with the multicolored Asturian culture.

… Another great moment of implementation for the SMELT project partners!


network

Strategies for the final Phase with the partners and network: PIECE last Transnational Project Meeting

Meeting the Partners and developing the network

After two years of online work, the partners of PIECE – Participation Inclusion and Engagement of Communities in Europe – had the opportunity to come together for the last Transnational Project Meeting, which took place on 16 September in Seville. The meeting was impeccably organised and managed by the Spanish partner, Acoge.

The event was dedicated to the project management meeting, where the partners discussed the development of the project’s activities and results, exchanging views on the situation in their respective home countries and talking together about the finalisation of intellectual outputs.

Specifically, dissemination and communication issues were addressed. ALDA and the other partners created a plan for more efficient and effective dissemination of project outputs and management of the Facebook page.


The creation of a network of projects focused on the creation of educational and training material


The involvement of external actors, through communication activities and events, will allow a wider reach and transfer of project products and results. The creation of a network of projects focused on the creation of educational and training material is a desired goal.

During the event, there were also discussions on the progress of evaluation and monitoring activities and the finalisation of all planned outputs. The products will be finalised and available on the project website by the end of October.

An interactive webinar for the presentation of the outputs and necessary to explain the functionality and methodology of the digital educational platform created, scheduled for the first week of November. During the same period, multiplier events, open to the public, will be organised by the project partners in Italy, Greece and Great Britain to promote the project. 

Given the proximity to the end of the project, the partners concluded the event by reaffirming their full commitment to the finalisation and promotion of all activities carried out and for future collaborations.


Reykjavik

Grey4Green kick-off in Reykjavik: challenges and opportunities of the phenomenon of ageing population

Reykjavik

On 5 and 6 October 2022, 6 partners from 5 different countries met in Reykjavik (IS) for the official launch of the new Erasmus + Grey4Green project.

During these days of intensive work in Reykjavik, at the headquarters of the Icelandic Environment Agency (project partner), the partners discussed future steps to be taken and exchanged ideas and visions for the project.

Indeed, the ageing of the population is a worldwide phenomenon with critical implications for all sectors of society. Due to low birth rates, high life expectancy and migration flow dynamics, the worldwide population is “turning grey”, and Europe is not an exception. An ageing population brings social, health, economic, and other issues.

The Grey4Green project, in which ALDA is a partner, is determined to support excellence in research on climate science and climate policy. responds to the urgency of developing competencies in various sustainability-relevant sectors, developing green and sectorial (3rd age) skills strategies and methodologies, as well as future-oriented training schemes that meet the needs of individuals and organisations. ALDA will also test innovative practices to prepare seniors and 3rd age personnel to become true agents of change. 


In Reykjavik to support excellence in research on climate science and climate policy


More specifically, ALDA will be responsible for developing an effective dissemination plan and the project exploitation and valorisation strategy. Furthermore, it will organise a seminar on Active Ageing and Nature Conservation and develop a policy paper on unravelling the potential of active ageing for nature conservation.

Overall, these two days in Reykjavik have proven to be a successful beginning, and a good synergy was born, paving the way for the next 2 years of the project.

It will be an intense and exciting path and the partners are ready to give their all for the cause: with a little grey, everybody could have a lot more green: let the journey begin!

FACEBOOK| YOUTUBE 

 

***
Grey4Green Erasmus + project includes the following partners: FO-Aarhus (Denmark) as leader, and in collaboration with ALDA (France), CARDET (Cyprus), Environmental Agency of Iceland (Iceland), Municipio de Lousada (Portugal), Associação BioLiving (Portugal)


Rossini

Evento finale di “Bravo Bravissimo”: l'arte di Rossini e la musica come strumento per coinvolgere i cittadini

Rossini

La musica e l'arte di Rossini al centro di "Bravo Bravissimo"

Luci, strumenti, spartiti e note hanno invaso l'Auditorium Concordia di Pordenone nella calda serata del 14 ottobre 2022 per accogliere l'evento finale del progetto "Bravo Bravissimo".

Guidato dallo spirito artistico di Rossini, tra i più grandi compositori ed esponenti della cultura musicale europea del XIX secolo, nato a Pesaro nel 1792 e padre de "Il barbiere di Siviglia" e del "Guglielmo Tell", lo spettacolo fonde armoniosamente teatro e musica.

Successi, tormenti, amori e passioni di Rossini, nonché il suo essere un appassionato di cucina e un "bon vivant", sono stati tradotti in una pièce delicata e allo stesso tempo appassionata da Beatrice Raccanello, regista veneziana, formatasi alla Scuola de l'Avogaria; e diretta da Giulio Arnofi, direttore d'orchestra ferrarese con studi a Bologna e Milano, tra i nomi emergenti della nuova generazione.

"I testi dello spettacolo, scritti appositamente per questo progetto, sono volutamente concisi e incisivi" - ha spiegato Raccanello - "le brevi scene che dialogano e si interpongono con la musica e le voci vogliono mettere in luce l'aspetto più umano di Rossini, con i suoi vizi e le sue passioni, la sua simpatia e i suoi sbalzi d'umore".


Rossini: uno dei più grandi talenti della cultura musicale europea


Un gruppo di 24 giovani musicisti europei uniti nel nome dell'arte e della cultura rossiniana, insieme ai cantanti Inês Pinto, soprano portoghese, Martina Koljenšić, contralto montenegrino, e gli italiani Alessandro Cortello (tenore) e Francesco Basso (basso) hanno condotto gli spettatori nella parola incantata del compositore. Quest'ultimo e la sua musa sono stati magistralmente interpretati rispettivamente da Francesco Severgnini ed Elisabetta Da Rold. Il tutto è stato ulteriormente arricchito dalla partecipazione di elementi dell'Orchestra San Marco, del Coro San Marco e del Coro Tomat di Spilimbergo.

Lo spettacolo, che ha segnato anche l'evento conclusivo del progetto, è stato un grande successo ed è stato accolto con un lungo applauso da adulti, bambini, ragazzi venuti da tutta la città per godersi Rossini!

 

***

Il progetto "Bravo Bravissimo", finanziato da Europa Creativa, è coordinato dall'Associazione Musicale Orchestra e Coro San Marco in qualità di capofila, insieme ai suoi partner: l'Associazione ALDA (Francia), la Città di Lousada (Portogallo), il Centro Culturale Nikola Djurkovic di Kotor (Montenegro) e il Teatro Topos Allou-Aeroplio di Atene (Grecia).

 

🇦🇲 Read the news in Armenian

🇬🇪 Read the news in Georgian

🇷🇴 Read the news in Romanian

🇺🇦 Read the news in Ukrainian


Week

ALDA all'edizione 2022 della Settimana europea delle regioni e delle città

La Settimana europea delle regioni e delle città 2022 è il più grande evento annuale a Bruxelles, dedicato alla politica di coesione che riunisce regioni e città di tutta Europa, tra cui politici, amministratori, esperti e accademici.

Negli ultimi 19 anni, ha fatto molto per promuovere l'apprendimento delle politiche e lo scambio di buone pratiche.

L'edizione di quest'anno si è concentrata sulla risposta dell'UE alle sfide sanitarie, sociali ed economiche post pandemia Covid-19, senza dimenticare la politica di coesione territoriale, la transizione digitale, verde e sostenibile e l'empowerment dei giovani. 

L'evento è durato 4 giorni con 300 sessioni, sia online che offline, con più di 15.000 partecipanti registrati e diversi relatori ed esperti.  


"I giovani hanno espresso la coscienza ambientale", ha dichiarato Valmorbida alla Settimana europea delle regioni e delle città 2022


ALDA ha partecipato al workshop "Together empowering Youth for climate action" il 12 ottobre 2022, con un intervento della Segretaria Generale di ALDA, Antonella Valmorbida, che ha illustrato la storia e il lavoro di ALDA, sottolineando il forte legame tra i giovani e le questioni ambientali.

The session was held online and moderated by Davide Sabbadin, from the European Environmental Bureau, with insightful contributions from Monika Skadborg, from the European Youth Forum, Eline Van Der Ham, representing the City of Almere, and Monika Chabior, from the city of Gdansk.

 

🇦🇲 Read the news in Armenian

🇬🇪 Read the news in Georgian

🇷🇴 Read the news in Romanian

🇺🇦 Read the news in Ukrainian


EU4Accountability

Al via "EU4Accountability" per migliorare la responsabilità sociale nella Repubblica di Moldova

EU4Accountability sosterrà le organizzazioni della società civile in 10 distretti della Repubblica di Moldova per influenzare le autorità locali attraverso la partecipazione attiva al processo decisionale, al fine di soddisfare meglio i bisogni della popolazione. 60 ONG impareranno a partecipare alla definizione dei bilanci e delle politiche locali, contribuendo così a riflettere meglio le esigenze delle comunità locali e ad aumentare la responsabilità sociale.

Le organizzazioni della società civile dei distretti di Cahul, Cimislia, Comrat, Falesti, Floresti, Glodeni, Rascani, Straseni, Stefan Voda e Telenesti, selezionate attraverso un invito aperto alla partecipazione, saranno coinvolte in un programma più ampio di sviluppo delle capacità. Ciò consentirà loro di imparare a:

  • realizzare un proprio progetto di monitoraggio delle politiche pubbliche,
  • rafforzare i meccanismi di responsabilità sociale e di promozione delle migliori pratiche,
  • facilitare l'apprendimento tra pari,
  • scambio di esperienze e creazione di reti tra le OSC locali.

"Oggi lanciamo la nuova azione EU4Accountability in 10 distretti della Repubblica di Moldova. L'Unione europea sta investendo 1,5 milioni di euro per rafforzare la responsabilità sociale del governo locale e centrale in Moldavia attraverso un sostegno mirato alla società civile. Il progetto offrirà sovvenzioni alle organizzazioni della società civile per sostenere la loro partecipazione al dialogo politico e monitorare l'operato delle autorità pubbliche. Questo progetto faciliterà l'impegno dei cittadini nelle questioni che li riguardano e li metterà in grado di esercitare un'influenza al di là del voto alle elezioni, rafforzando così la democrazia in Moldova", ha dichiarato Jānis Mažeiks, ambasciatore dell'Unione europea nella Repubblica di Moldova.


"EU4Accountability offrirà sovvenzioni alle organizzazioni della società civile per sostenere la loro partecipazione al dialogo politico e monitorare l'operato delle autorità pubbliche", ha dichiarato Jānis Mažeiks, ambasciatore dell'Unione europea nella Repubblica di Moldova


EU4Accountability mira a promuovere il concetto di responsabilità sociale tra i cittadini, i membri della società civile e i rappresentanti delle autorità pubbliche locali, spiegando i benefici della responsabilità sociale nella pratica. I benefici sono visibili quando la società civile comprende meglio il proprio ruolo: esaminare i progetti di decisione pubblicati dalle autorità locali e presentare proposte nei dibattiti pubblici, chiedere l'assegnazione del bilancio locale alle reali esigenze dei cittadini e anche osservare se i servizi pubblici sono di buona qualità e chiedere miglioramenti laddove qualcosa è percepito come sbagliato o ingiusto.

Le lezioni apprese dal progetto contribuiranno quindi a un'analisi partecipativa delle politiche e consentiranno alle istituzioni civili e statali di impegnarsi in un dialogo politico per migliorare le modalità con cui i cittadini possono presentare proposte alle autorità e creare le condizioni affinché le iniziative e le opinioni dei cittadini siano ascoltate e comprese. Il progetto si basa su un approccio dal basso grazie al coinvolgimento delle associazioni pubbliche moldave, che valuteranno i bisogni nei distretti e forniranno attività di formazione ai loro colleghi.

Nel novembre 2022, le OSC si riuniranno per partecipare ad attività incentrate su argomenti specifici di interesse relativi alla buona governance. Le organizzazioni selezionate per far parte del progetto saranno sostenute attraverso workshop di sviluppo organizzativo e le loro competenze sulle questioni di responsabilità sociale saranno potenziate.

Infine, il progetto EU4Accountability prevede anche di offrire successivamente sovvenzioni alle OSC nei 10 distretti target del progetto per implementare processi di responsabilità sociale a livello locale. In questo modo, le OSC potranno partecipare più efficacemente alla pianificazione comunitaria e saranno meglio riconosciute come attori legittimi per impegnarsi nella governance democratica locale.

Per saperne di più, seguite la pagina Facebook del progetto. .

***
Il progetto è attuato da un consorzio di tre organizzazioni: il Partenariato europeo per la democrazia (EPD), l'Associazione europea per la democrazia locale (ALDA) e l'ONG ceca People in Need (PIN) dal 2022-2024.

 

🇦🇲 Read the news in Armenian

🇬🇪 Read the news in Georgian

🇷🇴 Read the news in Romanian

🇺🇦 Read the news in Ukrainian


aremenia

The work of LDA Armenia within ALDA’s network

armenia

ALDA coordinates 15 Local Democracy Agencies (LDA) in their activities. Indeed, the Association has been funded by the Council of Europe in the 1990s, right after the Western Balkans war, as an umbrella organisation for democratic support, engaging local governments and civil society organisations from Europe and beyond. 

LDAs are locally based organisations supported financially and politically by partners and international associations, and their work is based on multilateral decentralised cooperation. Partnership-building is key for the mission of LDAs.

ALDA’s Consiglio direttivo, each year, monitors LDAs activities and labels those fulfilling ALDA’s values in terms of local governance promotion, sustainability, partnerships etc. 

ALDA’s network of LDAs is concentrated in Western Balkans and South-East Europe Neighbourhood of Europe; however, with its new strategy ‘going global', ALDA wants to widen the geographical scope to other parts of the world, bringing the same values of citizen engagement and support to decentralisation. An example is ALDA’s commitment to open new LDAs in Vinnytsia and Odessa, as to support people in Ukraine. 

In particular, LDA Armenia, established in 2011, promotes the capacities of local authorities and civil society in citizens’ participation, supports the development of local and sustainable tourism, reinforces regional cooperation, and empowers youth and women in environmental and community development initiatives. 

Moreover, thanks to its cooperation with different European stakeholders and associations, it promoted the implementation of many initiatives in the field of local democracy and participative decision-making.


ALDA’s values are translated into the work of LDA Armenia


During the previous months, LDA Armenia implemented different projects and initiatives. Among these, there’s the “Advocacy at the local level – Shirak" project, within the framework of “Local Democracy School”. More specifically, the LDA held meetings in the Shirak region, where administrative leaders, council members, municipalities’ staff could debate with the locals, and give the image of reality from grass root perspective and reflect the needs and problems. 

LDA Armenia also conducts training, such as the ones within the “Youth Camp – Summer 2022” in cooperation with Gyumri Youth Palace, which were about nature protection, climate change and citizens’ participation, where young students were actively involved in the process. These are among the core values that ALDA advocates for in its daily work. 

To have a look at the implemented activities, please check the LDA Activity Report January-June 2022.


Sostenere la democrazia partecipativa in Algeria

Dal 3 al 7 ottobre 2022, Antonella Valmorbida, Segretaria Generale di ALDA, si è recata a Tlemcen, in Algeria, per realizzare il terzo ciclo di attività di capacity building per le autorità locali in materia di buon governo e coinvolgimento dei cittadini.

Dopo il successo delle esperienze passate, Valmorbida è tornata nel Paese per tenere corsi di formazione di alto livello sulla democrazia partecipativa nell'ambito del programma di sostegno alla democrazia partecipativa locale e alla responsabilità sociale, avviato nel 2017.

Il programma valorizza l'importanza dell'impegno dei cittadini nello sviluppo strategico e nelle politiche orientate alla soluzione dei problemi.


ALDA torna in Algeria per il terzo ciclo di attività di capacity building sulla democrazia partecipativa per le autorità locali


Selezionata da SOFRECO, società leader mondiale nella consulenza, con il mandato del Ministero degli Interni algerino e il sostegno della Commissione Europea, Antonella Valmorbida, insieme ad altri due esperti, Mohamed Sakri e Moufida Ouselati, ha guidato la formazione di 45 responsabili di Daira, unità amministrative territoriali note in italiano come "distretti". Entro la fine del 2022, è prevista la formazione di un totale di 270 capi Daira.

Questo terzo ciclo di attività rafforza la già solida collaborazione tra il Paese e l'Associazione, testimoniando il ruolo di ALDA come partner affidabile e specializzato non solo in Europa ma anche nell'area del Mediterraneo.

ALDA ha concluso questa fruttuosa e intensa settimana con la volontà di alimentare ulteriormente questa partnership in futuro e di continuare a stimolare la democrazia a livello locale e a costruire comunità resilienti in tutto il mondo.

 

🇦🇲 Read the news in Armenian

🇬🇪 Read the news in Georgian

🇷🇴 Read the news in Romanian

🇺🇦 Read the news in Ukrainian


hate

ALDA sostiene la campagna del Parlamento europeo per la lotta ai crimini d'odio

Il 28 e 29 settembre 2022, il team di ALDA ha partecipato all'evento sulla lotta ai crimini d'odio e all’hate speech presso il Parlamento europeo. 

L'evento si è svolto nell'ambito del progetto STAND-UP, che mira a contrastare l'odio nell'UE; l'obiettivo è creare un quadro completo di contrasto ai crimini d'odio che copra tutte le componenti del processo di contrasto all'odio, denuncia, indagine, perseguimento e prevenzione (RIPP), inserito in un quadro di sostegno alle vittime. Il progetto è rivolto a Francia, Grecia, Italia e Spagna. 

“Definire i crimini d'odio: verso una definizione comune europea" è già il secondo evento del progetto ospitato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Trento (leader). In precedenza, il consorzio si era riunito a Granada per il kick-off tenuto dalla Fundacion Euroárabe de altos estudios (FUNDEA).

L'evento di due giorni a Bruxelles è iniziato con la tavola rotonda degli esperti che rappresentano diverse agenzie nazionali e internazionali coinvolte nello sviluppo e nell'attuazione di regolamenti politici su hate speech e sui crimini d’odio - CoE, DG Giustizia, OSCE e altri. 

Giovanni Gasparini, sostituto procuratore della Repubblica di Venezia (VEJudPol), ha aperto la sessione con una panoramica generale del progetto STAND-UP e dei suoi obiettivi. Ha definito il concetto di "crimine d'odio" come un reato commesso con un motivo di pregiudizio come elemento distintivo e ha introdotto le sfide legate al perseguimento di tale reato. A seguire Viktoer Kundrak, responsabile per i crimini d'odio dell'OSCE, ha riassunto il modo in cui l'OSCE legifera contro i crimini d'odio.

Menno Ettema, Programme manager e co-segretario dell'ex Comitato di esperti sulla lotta ai discorsi d'odio del Consiglio d'Europa, ha parlato della Raccomandazione sulla lotta all’hate speech, che rappresenta il principale quadro di riferimento giuridico e politico per prevenire e combattere questa situazione. Ettema ha tuttavia sottolineato la natura non vincolante della Raccomandazione, che ne determina l'applicazione arbitraria da parte degli Stati membri.

In apertura del secondo panel, Viviana Gullo, Junior Project Manager di AGENFOR, ha presentato il caso della dottoressa austriaca Lisa-Maria Kellermeyer, vittima di hate speech e cyber bulling da parte degli anti-vaxxer. Per mesi, la dottoressa ha denunciato attacchi sui social media e lettere minatorie da parte di persone che scrivevano di voler "massacrare" lei e il suo staff, che non sono state riconosciute come reato né indagate adeguatamente dalle forze dell'ordine. Il caso si è concluso con il suicidio della dottoressa e ha suscitato una maggiore attenzione alla regolamentazione legale dell’hate speech. Questo esempio è servito a dimostrare come il progetto STAND-UP avrebbe definito un modello per affrontare i fenomeni di odio e prevenirli.

Nel suo discorso sull'educazione, Alberto Izquierdo Montero, dell'UNED MADRID, ha parlato di visualizzare i meccanismi dell’hate speech per leggere criticamente il mondo. Si è concentrato sull'importanza dell'educazione nell'affrontare il discorso dell'odio, presentando una ricerca partecipativa sugli adolescenti che si trovano ad affrontare questo problema, per identificare scenari, agenti e strategie di coping.

L'ultima sessione, incentrata sul ruolo della società civile nell'affrontare i crimini d'odio, è stata aperta dalla professoressa Vasiliki Artinopoulou, dell'Organizzazione europea di diritto pubblico (EPLO) e membro della SPT UN. La professoressa Artinopoulou ha sottolineato l'importanza di risposte coordinate per affrontare questi fenomeni, in particolare il valore aggiunto di un sistema congiunto tra il sistema giudiziario e le OSC per condividere informazioni e collaborare. "Viviamo in un'epoca di conflitti, austerità, recessione e insicurezza, e quindi ci sono solo pochi valori non negoziabili, come la dignità umana, il rispetto e la giustizia", ha osservato la professoressa.


L'importanza dell'educazione per affrontare l’hate speech


Durante la seconda giornata, Alessandra Brigo, Project Manager e Coordinatrice dell'HUB Genere, Inclusione e Diritti Umani di ALDA, ha presentato i risultati dei focus group tenuti tra maggio e luglio 2022 in Italia, Spagna e Grecia. Uno dei risultati più eclatanti della ricerca ha rivelato i pregiudizi delle forze dell'ordine e dei dipartimenti di polizia in materia di razzismo, colpevolizzazione delle vittime e altro. La collega di ALDA ha suggerito che il progetto STAND-UP rappresenta un'opportunità unica per affrontare questi pregiudizi e ha esortato a prestarvi particolare attenzione, per avere un impatto reale sui sistemi dei Paesi interessati.

Nella discussione sulle migliori pratiche per contrastare i discorsi e i crimini d'odio, Giovanni Gasparini ha sottolineato che la legislazione nazionale esistente in Italia è scarsa, poco efficace e non inclusiva e che le disposizioni legali non sono in linea con l'evoluzione culturale della società.

Garyfallia Anastasopolou, Lucía García del Moral e Sergio Bianchi hanno discusso in una tavola rotonda sulle risposte coordinate per affrontare i crimini d'odio e sul ruolo delle organizzazioni della società civile.
Un contributo sulla tecnologia per prevenire l'hate speech è stato dato da Luigi Ranzato e Nicola Cordeschi della polizia giudiziaria della Procura della Repubblica di Trento.

Cristina Rodríguez Reche, dell'Universitat Autònoma de Barcelona, ha parlato dell'importanza di una prospettiva di genere e intersezionale nel contesto dell'islamofobia in Europa.
A conclusione della sessione Carmelo Ruberto, ex Procuratore della Repubblica di Rovigo, ha parlato dell'etnia Sinti nel contesto dell'odio, presentando un caso reale di omicidio di C.E, di etnia Sinti, da parte del figlio minorenne e del suo complice morale. Il caso era rilevante perché il complice mostrava un forte atteggiamento razzista, ma questa aggravante non è stata presa in considerazione.

L'evento è stato una buona occasione per discutere di questo fenomeno, per vedere cosa è stato fatto e cosa deve essere affrontato nella prossima fase del progetto. 

 

🇦🇲 Read the news in Armenian

🇬🇪 Read the news in Georgian

🇷🇴 Read the news in Romanian

🇺🇦 Read the news in Ukrainian