BUK

ALDA al BUK Festival: vi aspettiamo a Modena!

BUK

Dopo la positiva esperienza dello scorso anno, ALDA si unirà al BUK Festival anche in questo maggio 2022 a Modena

Dedicato alla piccola e media editoria e diretto da Francesco Zarzana, vicepresidente di ALDA, questa edizione 2022 segna il XV anniversario del Festival! Concentrandosi sull'importanza della cultura e della letteratura, questa iniziativa rappresenta non solo un'opportunità per centinaia di persone di incontrare autori e scrittori; ma anche di capire come la cultura sia un elemento essenziale quando si tratta di condividere idee e diritti.


ALDA al BUK: partecipa al dibattito "L'Europa dei diritti", sabato 7 maggio alle 10.30-12.00 presso la "Sala Leccio"


Vivendo un momento fragile per la democrazia sia a livello comunitario che globale, ALDA, sulla base delle conoscenze e raccolte attraverso i suoi progetti, condurrà un dibattito dal titolo "L'Europa dei diritti", sabato 7 maggio alle 10.30-12.00 presso la "Sala Leccio"

Partendo dalle riflessioni sulla recente invasione russa in Ucraina e sull'importanza della partecipazione dei cittadini per la protezione dei diritti umani, mentre si considera l'attacco ai principi fondamentali del progetto europeo, la pace e la sicurezza, l'evento indagherà le nuove sfide poste ad un'Europa della solidarietà. Inoltre, lo scambio di buone pratiche di cittadinanza attiva sarà al centro di un workshop, che avrà luogo subito dopo il dibattito.

Infine, ALDA sarà presente con uno stand dedicato ai progetti ACHIEVE, BRAVO BRAVISSIMO, CAPPERI, EPIC, EUscepticOBS.


Government

Open Government e comunità intelligenti - Registrati all'evento internazionale!

Government

L'open government è un concetto ampio che coinvolge molteplici dimensioni, ed è facilmente declinabile in una varietà di definizioni. L'OCSE lo definisce come "una cultura di governo basata su politiche e pratiche pubbliche sostenibili ispirate ai principi di trasparenza, responsabilità e partecipazione che promuovono la democrazia e la crescita inclusiva".

In generale, le nuove tecnologie e la trasformazione digitale sono aspetti chiave che portano all'open government, aumentando la disponibilità di dati e informazioni, favorendo nuovi modi di prendere decisioni condivise. Alla luce di ciò, il progetto AVATAR, una partnership tra 12 città di medie e piccole dimensioni impegnate nell'open government, è stato istituito per promuovere la cultura degli open-data e diffondere l'uso dei servizi pubblici digitali tra i cittadini. Superando i tradizionali confini amministrativi, il progetto, durato 24 mesi, ha visto un'intensa collaborazione tra ogni comune che non solo agisce come una "smart community", ma anche promuove la cultura digitale per cittadini, imprese e organizzazioni della società civile.



ALDA, attraverso ALDA+, ha partecipato ad AVATAR organizzando più di 100 eventi nell'area target e coordinando il progetto in collaborazione con le autorità locali, le organizzazioni della società civile e una varietà di stakeholder di diversi settori: scuola e istruzione, aziende ICT, e gruppi informali di cittadini.

Now it is time to bring AVATAR on another level: join the international event on 24-27 May in Schio (Italy), to learn, to share experiences and practices, hopefully leading to greater coordination and harmonization of activities and practices, while benefitting not only the implementation of the project per se, but also the involvement of citizens of small and medium sized cities.

Secondi i partners, AVATAR otterrà un maggior valore con il contributo e l'impegno dell'UE

e di queglli attori che credono nella digitalizzazione come mezzo per:

  • migliorare, rafforzare e ampliare la partecipazione all'autogoverno locale;
  • promuovere una relazione coerente, trasparente ed efficiente tra cittadini, organizzazioni della società civile, stakeholder locali e amministrazioni pubbliche, secondo i 12 principi di Buon Governo del Consiglio d'Europa.

 

Take a look at the 3-day agenda

Discover the International Conference’s agenda

Registrazione all’evento qui


ALDA awarded with the accreditation to implement ELoGE

The commitment to good governance

The European Association for Local Democracy (ALDA) has invested its energy, knowledge and expertise in promoting democracy and good governance at local level. Following the establishment of the Local Democracy Agencies (LDAs) in the Balkan area, on the initiative of the Council of Europe ALDA has been created to coordinate and further implement the work of the LDAs. Hence, since its foundation in 2000 ALDA’s mission is based on core elements, be they: citizens participation, decentralised cooperation, people and local authorities’ empowerment.

In light of this, it comes with itself the strong bond that the Association has with the overall European context, as well as the values promoted by the Council. With the idea of sharing its know-how, while concretely working on the promotion and realization of the distinguishing European principles, ALDA has been awarded the accreditation to implement the “European Label of Governance Excellence (ELoGE)” in several municipalities in Croatia, Kosovo* and North Macedonia.

#ALDAforELoGE in a nutshell

ELoGE at a glance

From a general perspective, CoE created different toolkits to measure good governance, and “The European Label of Governance Excellence” is, thus, one of them. More in concrete, ELoGE relies on a partnership between the Council of Europe and an existing reputable regional, national or transnational entity or an ad hoc platform with a substantive know-how,  expertise or experience in the field of good  governance, especially at the local level.

In questo contesto, the ELoGE programme offers tools to local authorities to measure how they comply with the 12 Principles of Good democratic Governance, which are:

1) Participation, representation, correct conduct of the elections; 2) Responsiveness; 3)Efficiency and effectiveness; 4) Openness and transparency; 5) Rule of law; 6) Ethical conduct; 7) Competence and capacity; 8) Innovation and openness to change; 9) Sustainability and long-term vision; 10) Sound financial management; 11) Human rights, cultural diversity and social cohesion; 12) Accountability

This compliance can be measured through the implementation of the benchmark for the European Label of Governance Excellence, which is also an excellent learning opportunity for the municipalities to improve their daily work.

At the end of the ELoGE Programme, a crystal dodecahedron – the symbol of ELoGE – is awarded to the municipalities which have demonstrated compliance with the principles of good governance, measured against a national benchmark.

ALDA for ELoGE in practice

The tasks that the Association is called to fulfill may be summarized in four main aspects, consisting of:

  • Support to LDAs in terms of organisation of workshop organized for the subscribing municipalities so to analyse and scrutinise all technical aspects and to prepare the implementation at local level
  • Benchmark: prepare the technical files and guidelines to implement it
  • Questionnaires, available on an online platform, are prepared by ALDA. The latter supports the local dissemination, as well as he analysis of the data collected
  • Final evaluation consists, among others, in the definition of guidelines for evaluation methodology; and the creation of Evaluation committee

#ALDAforELoGE

Check the campaign of ALDA’s social media, to get weekly updates on the 12 principles!


narrative

La narrazione di un sistema basato sulla persona per accogliere i rifugiati dall'Ucraina

On 13th April, EPIC partners and external actors gathered together for the 3rd EPIC webinar “From emergency reception to an inclusive and sustainable response: the narrative of a human-based system to welcome refugees from Ukraine”. During the webinar, participants listened and talked to activists in a safe space, discussing the impact of harmful narratives and on the need for a sustainable reception.

Kateryna Rusetska, artist and activist from Dnipro, who works closely with our EPIC partner Kitev, talked about the importance of using the right word when discussing the current Ukrainian circumstances. Hence, she stressed the importance of calling this situation as what is is: As she  said: “it’s not a conflict, it’s not Putin’s war, it is a real war”. She emotionally continued by expressing Ukrainians’ pain and suffering, alongside with anger.

Yulia Krichiv, attivista ucraina che vive in Polonia, si è concentrata anche lei sulla scelta del giusto vocabolario. Questa guerra, ha detto, è una "guerra imperiale e coloniale", come è successo, ha continuato, ai cosiddetti "paesi post-sovietici [che] sono in realtà paesi post-coloniali".


"Ci manca una narrazione per sentirci potenti in tempi di pace" - Hania Hakiel


Hania Hakiel, psicoterapeuta e supervisore nell’ambito del trauma dei rifugiati, ha chiuso il giro dei relatori. Secondo lei, ci manca una narrazione per sentirci potenti in tempi di pace, parliamo , a suo avviso, dei rifugiati solo attraverso una narrazione di emergenza. Inoltre, Hakiel ha analizzato l'atteggiamento psicologico delle persone che aiutano i rifugiati, e come ci si aspetti che i rifugiati si mostrino sempre “grati”, senza rendersi conto che così facendo, si può creare un legame squilibrato tra le persone.

After the guests’ speeches, EPIC partners intervened explaining how they are managing the arrival of  new comers, how states and institutions are lacking of cooperation and mutual support, thus leaving the management to private and no-profit organisations. In addition, they reflected on how Ukrainians have been promised to reach western Europe and easily access the labour market, while finding accommodations, and on how all this narrative became problematic to help them settling in a new country. Having that in mind, EPIC partners are constantly working to ensure that Ukrainians feel safe and have access to essential public services, but in order to do so, the right narrative is needed.

Il webinar si è concluso con una sessione di domande e risposte da parte del pubblico e dei partner, mentre, come concordato, non c'è stata una conclusione sull'argomento, poiché è impossibile averla in questo momento. Tuttavia, questo webinar ha ulteriormente illustrato l'importanza di considerare un sistema più basato sulle persone quando si tratta di accogliere i rifugiati.


Turkish

Civil society Exchange: buona governance e partecipazione digitale per la società civile turca ed europea

Last month (March 2022) marked the conclusion of the TEAM4TEAM program supported by MitOst within the framework of the Civil Society Exchange Partnership Program 2020-2022. This program, implemented by ALDA and its Turkish partner MEDAR – Media Research Association aimed to foster a democratic discourse, to strengthen the capacity of grassroots media actors to function as drivers of democracy and to empower civil society in being actively engaged in public affairs and expressing/reporting their views.

A tal fine, 12 organizzazioni della società civile turca ed europea sono state selezionate per beneficiare di una serie di sessioni di formazione su argomenti chiave che avrebbero permesso di rafforzare i loro metodi operativi e di imparare gli uni dagli altri, così come di un'opportunità di finanziamento che ha permesso a ciascuna organizzazione beneficiaria di fare coppia con una controparte europea o turca per scambiare le migliori pratiche.

During this past year, the program has allowed a real bridging and bonding of these beneficiaries, who have worked together on topics such as fundraising for media and democracy projects, good governance, news verification, digital security, digitization, social media and third-party tools, data analysis and media, with the support of ALDA and MEDAR, and developed bilateral exchanges on this basis, resulting in the creation of a real community of mutual support and the development of new local practices while promoting EU-Turkish international cooperation.


Creazione di una vera comunità di sostegno reciproco e sviluppo di nuove pratiche locali, promuovendo nel contempo la cooperazione internazionale UE-Turchia


Questa comunità è stata finalmente in grado di riunirsi di persona alla conclusione del programma TEAM4TEAM nel marzo 2022, con l'ultima attività del programma: una scuola (“Spring School”) che consisteva in una settimana di sessioni faccia a faccia per condividere nuovi strumenti ed esperienze dal programma e si è tenuta con il sostegno del programma Erasmus+ attraverso il progetto Youth News. La Spring School ha riunito tutti i beneficiari a Tarragona, Spagna, così come altri esperti internazionali e locali, ed è stata concepita per essere il più interattiva possibile. Mantenendo l'attenzione sui temi del programma precedentemente affrontati, l'approccio offline ha permesso numerosi giochi e simulazioni per esplorare ulteriormente gli argomenti in modo coinvolgente e innovativo.

On the agenda of the week were: games on local governance such as Electionville where participants had to set up their political party and confront others through the course of the political process through the guidance of Fabel, the game’s founding organization, the design of communication campaigns for participants to put themselves in the shoes of citizen journalists through workshops provided by MEDAR, the discovery of digital tools for participatory democracy such as the presentation of the Decidim platform developed by Platoniq in Barcelona, and citizen consultation simulations facilitated by ALDA where one had to play the role of either an elected official, a local lobby, an association or a citizen and debate a project at the local level.

Oltre a ciò, si sono svolti numerosi giochi intercomunitari, così come la presentazione dei progetti di scambio realizzati bilateralmente dai beneficiari, e visite di studio a Tarragona, rendendo questa settimana estremamente ricca di scambi e permettendo ai beneficiari di conoscere nuovi strumenti ma anche di mettere a punto i loro piani di azione per costruire un terreno comune per le loro future collaborazioni, uno degli obiettivi finali del programma TEAM4TEAM.

Se i risultati attesi del programma sono valutati dai partner come più che soddisfacenti, quest'ultima settimana ha avuto risultati molto più alti del previsto in termini di networking: da questo evento è emersa una vera comunità di aiuto reciproco. È stato bello aver fatto parte di questo progetto sulla società civile turco-europea!


Youth4Ukraine

Youth4Ukraine: together to support young generations in Ukraine

Mobilizing its network to provide greater support to Ukrainian colleagues and people. Knowing ALDA’s members’ actions to work together for one single aim: peace. This is why ALDA is glad to share “Youth4Ukraine” initiative, promoted by its member DYPALL Rete

Located in Portugal, DYPALL is willing to promote youth participation at local level. Thus, the reason behind its action: gathering voices and thoughts of young people from all over Europe on the current situation in Ukraine. Overall, the action is aimed at make stakeholders and “people in power” aware of young people perspectives on this.


“Youth4Ukraine” gathers voices and thoughts of young people from all over Europe on the current situation in Ukraine


By launching this social media campaign, the Portuguese Network is inviting everyone, especially teens and youngsters to follow the Youth4Ukraine IG profile and:

  • Share their opinion in a video of a maximum of 1-minute (English or in your native language). Upload it on TikTok, Instagram or Twitter under #youth4Ukraine or send it directly to @Youth4Ukraine Instagram profile or
  • Send us a message with their name, age, country and a short message they want to share.

ALDA supports positive actions of its network to support the ongoing war. The Association is constantly in touch with colleagues and friends in the Country. #ALDAforUkraine

 

***
Useful info:

Instagram: https://www.instagram.com/youth4ukraine/ 

Email: youth4europe@dypall.com

Website: https://dypall.com/youth4ukraine


Riabilitazione comunitaria e teatro sociale inclusivo

Theatre

The inclusive show entitled  “Theatre for everyone”, organized by the LDA Tunisia took place on 30th March 2022, in the cultural center Chebika- Kairouan within the project “Je Repars de Toi”: Community-based Rehabilitation and Inclusive Social Theatre.

Il programma dello spettacolo è stato ricco in termini di performance e di contenuti: a partire dall'inno nazionale tunisino nella lingua dei segni, passando poi a un gioco di mimo, un gioco di fantasia, una canzone e una danza ritmica inclusiva. Il pubblico ha amato ogni pezzo dello spettacolo grazie alle sue performance fluide e vivaci.

I 33 artisti, di età compresa tra i 10 e i 30 anni, appartengono a 3 diversi centri di riabilitazione ed educazione specializzata per persone con disabilità: 

  • Associazione Generale degli Insuffisants Moteurs di (AGIM Kairouan)
  • Unione Tunisina di Aiuto ai Sofferenti Mentali (UTAIM Kairouan)
  • Associazione di Sostegno ai Deficienti Auditori (ASDA Kairouan)

Tra loro, c'erano anche 4 partecipanti senza disabilità e iscritti al centro pubblico di difesa e integrazione sociale (CDIS)


Lo spettacolo inclusivo intitolato "Teatro per tutti", organizzato dall'ADL Tunisia ha avuto luogo il 30 marzo 2022, nel centro culturale Chebika-Kairouan


The festival, held for the second year, results from 3 workshops for children with disabilities established in the aforementioned centers in October 2020. During the sessions, the participants received regular training that aimed to contribute to their inclusion in the society, to reinforce their capacities, while empowering their personalities. Indeed, the show echoed the success of these activities, showing the ability of the participants to move smoothly on stage and performing autonomously.

Generally speaking, the core of social theater is to create an environment of coexistence, tolerance, and acceptance within the community. Theater is for everyone: each of us is welcomed to join the training activities. The latter are adaptable and flexible according to the capacities of the participants. This concept has been turned into reality in the “Theatre for everyone” show. In addition, the audience was amazed by the skilled and dedicated performers who brought so much enthusiasm and passion to the scene, everything well presented also thanks to decoration, accessories, music and sound effects which were designed and selected with much care and attention.

Nell’ambito dello stesso progetto "Je Repars de Toi" è stato finanziato da AICs e realizzato con la collaborazione dell'ADL Tunisia, COPE Italia e associazioni di riabilitazione per persone con disabilità. Inoltre, alla luce di una nuova collaborazione i ragazzi con disabilità provenienti dall'Italia potranno visitare Kairouan, unendosi ai laboratori teatrali, e preparare un altro spettacolo inclusivo entro la fine di maggio, interpretato da partecipanti italiani e tunisini.

Finally, this great result was achieved thanks to the constant mobilization of the community and the contribution of different partners. Parents of people with disabilities, children, children and people with disabilities, representatives of local authorities, public and private administrations, and civil society organizations were among the audience. By the end of the show, the LDA Tunisia was approached by potential partners who encouraged the agency and provided promising ideas and recommendations for new collaborations.


Lockdown

'Locked Out of Lockdown’: COVID-19 on Migration Narratives

PERCEPTIONS project partners, the Hellenic Ministry of Citizen Protection’s Center for Security Studies (KEMEA), Caritas Cyprus and the Cyprus-based technology company ADITESS, organised at the the beginning of this year a dedicated event entitled: ’Locked Out of Lockdown’: COVID-19 and Its Effects on Migration Narratives, Migrant Realities and Institutional Responses.

The event focused on the effects that the health crises had on people in movement towards Europe. Hence, what kind of challenges did migrants have to face in order to integrate into European societies?


'Locked Out of Lockdown’: COVID-19 and Its Effects on Migration Narratives, Migrant Realities and Institutional Responses


Possible answers were discussed during the roundtable, paying special attention to the impact the pandemic has had on the perceptions that shape migration patterns, on the realities migrants faced during a public health emergency and the ways service-providers and first-line practitioners adapted their activities.

Overall, this event was part of the ongoing PERCEPTIONS Research and Innovation Project coordinated by SYNYO GmbH and funded by the European Commission under a Horizon 2020 grant.

 

***
More information on Perception Website
[
Video credits: Percpetion Project]


Progetto P-CUBE in movimento: Vieni a giocare alle politiche pubbliche!

The project P-CUBE – Playing Public Policy is an educational digital game aimed at teaching students, professionals and public officials how decisions are taken in the public sphere by covering the individual elements of the policy making process. 

The purpose of P-CUBE is to unveil the complexity of public policy making by teaching the players the elements that policy entrepreneurs must take into consideration in their planning, and the ways in which they can try to alter these elements in order to introduce the desired innovation.

The educational digital game includes 30 different missions in 4 domains, namely urban innovation, social inclusion, science & public policy and EU decision making.


Il progetto P-CUBE è un gioco educativo digitale volto a insegnare la teoria e la pratica delle politiche pubbliche!


The players are confronted with real life situations and by playing they develop the strategic thinking that is needed for accomplishing their mission, which is a successful change in policy. By the end of the game they learn how to shape public policy by successfully navigating the maze of complex decision-making processes

So, are you ready to play public policy?!

Diventa una delle comunità pilota che testerà il gioco digitale! Contattaci su pcube@aldaintranet.org

***

Link utili:

  • Segui il progetto su Linkedin e Twitter per ricevere tutti gli aggiornamenti

Iscriviti alla newsletter di P-CUBE per ricevere tutte le ultime notizie sul progetto e sul gioco!


Environment

Ambiente, stili di vita e biodiversità al centro dei progetti di ALDA al festival TNOC

As mentioned in our previous article, ALDA joined the “The Nature of Cities” (TNOC) Festival as partner of the 2022 edition.

Concentrandosi su diverse questioni transdisciplinari, siano esse l'ambiente o la giustizia sociale, TNOC ha animato 3 giorni di Festival in tutto il mondo con innumerevoli eventi. Beneficiando della competenza dell'Associazione, e dei risultati raggiunti attraverso i suoi progetti, ALDA ha partecipato attivamente al TNOC con quattro diverse iniziative, vale a dire: "Life BEWARE", "Life FALKON", "CAP-PERI" e "Climate of Change".

Partendo da "Life BEWARE", il progetto si è unito al festival con due sessioni dedicate alla resilienza climatica e alle città, ossia: "Re-shaping cities - how urban areas can tackle climate change" e "Nature Based Solutions for a more resilient territory". La prima ha avuto luogo il 29 marzo dalle 16 alle 17:30.

La sessione si è concentrata sul tema della resilienza delle città al cambiamento climatico e, grazie al contributo di quattro progetti Life, ha evidenziato vari modi e buone pratiche in cui le aree urbane possono affrontare con successo questo problema, in modo innovativo. Inoltre, il coinvolgimento e la collaborazione dei quattro progetti sono stati particolarmente rilevanti considerando che quest'anno è il 30° anniversario del programma Life. Tra i relatori principali:

Giulio Pesenti – Life Beware; Valeria Fantini - ALDA - Associazione Europea per la Democrazia Locale; Maria Rosaria Scoppettuolo e Valeria Guerrini - Gruppo CAP (progettoLIFE METRO ADAPT) ; Daniela Luise e Giovanni Vicentini di LIFE VENETO ADAPT e Andrea Paindelliprogetto LIFE BAETULO

In programma il 30 marzo dalle 16:00 alle 17:30, il secondo evento, dal titolo "Nature Based Solutions for a more resilient territory - How can Municipalities better implement them?", si è concentrato sulla promozione e l'incoraggiamento della replicabilità delle Nature Based Solutions. Il workshop è stato tenuto da tecnici e professori del Dipartimento di Territorio e Sistemi Agro-Forestali (TESAF) dell'Università di Padova ed era rivolto ai Comuni dell'UE. L'obiettivo del workshop era quello di insegnare agli amministratori locali come implementare al meglio queste misure sui loro territori, partendo dall'esperienza e dalle best practice del Progetto Life Beware. Hanno aderito diversi professionisti, in particolare dall'Università di Padova: Lucia Bortolini, Francesco Bettella, e Francesco Pagliacci sono stati tra i principali esperti dell'evento.


Concentrandosi su diversi temi transdisciplinari, che siano l'ambiente o la biodiversità; TNOC ha animato 3 giorni di Festival in tutto il mondo con innumerevoli eventi


Passando a "Life FALKON", gli eventi legati al progetto hanno affrontato tre aspetti principali, che sono: l'inquinamento, lo sviluppo urbano, la coesistenza con l’uomo. Complessivamente, i 2 workshop di LIFE FALKON trasmessi all'interno del Festival delle Città Natura, hanno avuto come obiettivo la sensibilizzazione sull'importanza di progettare città più rispettose verso gli uccelli. Più in dettaglio, il primo "WINGED CITIES 1 - Gli uccelli e le sfide della vita urbana”, è iniziato alle 11 del 30 marzo 2022. I partecipanti hanno ascoltato una panoramica delle sfide che i volatili devono affrontare in termini di coesistenza nell'ambiente urbano, soprattutto alla luce dell'inquinamento e dell'urbanizzazione. Preziose informazioni sono state fornite grazie ai contributi del coordinatore di LIFE FALKON Michelangelo Morganti del CNR-IRSA Consiglio Nazionale delle Ricerche, Juan Josè Negro del CSIC-EBD, Davide Dominoni dell'Università di Glasgow, Dan Chamberlain dell'Università di Torino.

Moreover, the second “WINGED CITIES 2 – Practical issues for bird-friendly cities” revolved round the strategies and actions to actuate in order to foster a  more bird-friendly. Some cases-study and best practices have been shared, starting from the conservation actions implemented by the life falkon project (focus on nesting boxes). As for the previous workshop, LIFE FALKON partners Roula Trigou and Nikos Tsiopelas from HOS/BirdLife – Hellenic Ornithological Society, Andrea Pirovano from Progetto Natura actively joined.

Passando dalla fauna e dalla biodiversità all'agricoltura, il progetto "CAP-PERI", che mira ad aumentare la conoscenza dei cittadini sulla PAC e sulla sostenibilità", ha presentato 10 diverse sessioni: cinque sessioni con esperti e cinque viaggi virtuali sul campo. Il seminario "Teatro e rigenerazione urbana: il Silent Play" ha mostrato un processo creativo partecipativo che coinvolge le comunità locali e il loro rapporto con il territorio; mentre "Abilità e competenze per la sostenibilità in agricoltura" ha fornito una riflessione sull'uso della metodologia della ricerca sociale per aumentare le competenze e le abilità nella sostenibilità. Inoltre, "Learning Bubbles" si è concentrato su un sistema metodologico volto a ristabilire l'accesso degli studenti all'insegnamento. 

Le iniziative dell'UE e le esperienze dei partecipanti sono state discusse nella sessione dedicata intitolata "Consigli per uno stile di vita più sostenibile degli studenti". Infine l’incontro "L'agricoltura biologica e l'importanza della dieta mediterranea nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e metaboliche" ha chiuso le sessioni con una riflessione approfondita sulla PAC. Nel complesso, le uscite sul campo sono state l'occasione per scoprire gli orti urbani di Palermo, Roma e Mesagne e le attività partecipative svolte al Parco Agricolo Sud Milano e nell'area periurbana di Carpaneda a Vicenza. Tra i relatori principali: Carlo Presotto (laPiccionaia), Paola Rossi, Carlo Basilio Bonizzi, Valentina Anzoise, Alessandro Di Donna, Andrea Messori (Replay Network), Caterina Impastato (CESIE), Alessandro Distante (ISBEM), Egeria Scoditti, Lucio Colizzi, Carmelo Formica, Elisa Grossi, Giovanni Mezzalira, Gloria Marini (LaPiccionaia) e Giancarlos Stellini (Artisti per il Sociale).

Infine, ALDA ha condiviso con i partecipanti i risultati del progetto "Climate of Change", concentrandosi sull'impegno per le questioni ambientali e migratorie, sottolineando la necessità di un'azione coerente e unita, come espresso nei micro-talk e un documentario proiettato, contenente, tra l'altro, tutte le informazioni sul progetto, la campagna e la petizione.

In addition, interactive presentations on the project and two virtual visits to green spaces in Strasbourg and Brussels were presented, highlighting the importance of the connection among human beings and environment, with special emphasis on the importance of small and local actions. 

Nel complesso, questo festival è stato un'opportunità per condividere e approfondire alcuni dei temi centrali dei progetti di ALDA, consentendo ai partecipanti di esplorare un tipo più sostenibile di pianificazione urbana; proteggere la biodiversità, mentre si promuove un nuovo atteggiamento per quanto riguarda l'agricoltura. lo sviluppo delle aree urbane.